Categorie
Rock or dust

Il Muro è caduto, viva il Muro: il rock non basta più, ma non ditelo in giro

“Mister Gorbaciov, tear down this wall!”. Fu la frase pronunciata a Berlino da Ronald Reagan il 12 giugno del 1987. L’America paladina della libertà dei popoli dell’Est Europa contro il regime dittatoriale, l’America che tutela i diritti umani, l’America che protegge il mondo. Viene da ridere, eppure l’immagine era quella. Loro sono i cattivi che […]

Categorie
Rock or dust Uncategorized

Mellon Collie and the Infinite Sadness, il racconto della fine di un’epoca

Era il 1995: Kurt Cobain era morto, i Kyuss si erano sciolti ed i Pearl Jam non si sentivano tanto bene (Woody ci perdonerà). Il Grunge aveva già vissuto il suo breve ed intenso apogeo, che l’avrebbe reso immortale. L’hair metal e la new wave con i suoi sintetizzatori spazzati via da un tornado di […]

Categorie
Rock or dust

Duane e gli Allman Brothers: l’alba del Southern Rock

“Pateticamente dilaniata, un mero scheletro di ciò che era, una vittima di guerra”. Fu la descrizione che un ufficiale dell’Unione fece di Jacksonville alla fine della Guerra di Secessione nel 1865. La città fu il punto di riferimento per suini e bovini che lasciavano la Florida, contribuendo alla causa Confederata. Attorno ad essa, per quasi […]

Categorie
Rock or dust

Buon compleanno, signor John Winston Lennon

Nel XVIII secolo, con la decadenza del porto di Chester (dovuta al progressivo insabbiamento del fiume Dee) e la costruzione nel 1715 del primo bacino acqueo artificiale di tutta l’Inghilterra, Liverpool diventa il porto principale del paese. Ma è con l’apertura del commercio verso le Indie Occidentali, incentrato soprattutto sulla tratta degli schiavi, che la città conosce uno sviluppo senza […]

Categorie
Rock or dust

Hooker’n’Heat, il blues diventa leggenda in un solo album

Bob Hite era un tizio grosso e con la barba lunga. Lavorava al Rancho Music Shop di Torrance, in California: un negozio specializzato in incisioni blues precedenti alla Seconda Guerra Mondiale. Il suo hobby principale era collezionare 78 giri, in particolare di country blues. Ne possedeva circa 70mila, ed usava un espediente paradossale per aumentare […]

Categorie
Rock or dust

Fear Inoculum: la grande lezione dei Tool che viene dal passato

Eppure, dovremmo essere grati ai Tool, nonostante ci abbiano fatto aspettare 13 anni. Perché ci insegnano che non tutta la musica prodotta oggi deve rispondere all’esigenza di un mercato usa e getta. Poi, perché sono l’esatto contrario dei prodotti preconfezionati stagionali delle grandi label, e non sono alla ricerca spasmodica di un passaggio radio di […]

Categorie
Rock or dust

Gli anni “acidi” e sperimentali di David Bowie

Passeggiare nella zona di Camden Town è sempre affascinante, ammesso che sia possibile farsi largo tra la calca dei turisti. Osservate il ponte, prendete Camden Lock, poi svoltate subito a sinistra su Middle Yard. Qui troverete il Dingwalls, locale sede di concerti e cabaret. Dove lavorava Gilles Peterson, dj radiofonico ed animatore. Verso la fine degli […]

Categorie
Rock or dust

Rock, jazz e dadaismo: storia e leggenda della “scena di Canterbury”

Prendete l’autostrada da Londra in direzione sud-est, come se volesse arrivare a Dover. Dopo circa 61 miglia, imboccate l’uscita verso Canterbury/Harbledown, e proseguite seguendo le indicazioni per l’antica capitale del regno anglosassone del Kent. Fondata secoli prima di Cristo, nel 55 a.C. sotto i Romani divenne “forum commerciale”, passando da villaggio a cittadina. Canterbury oggi […]

Categorie
Rock or dust

Western Stars, il viaggio di Bruce Springsteen lungo un’America che non c’è più

Gira e rigira, si finisce sempre per fare i conti con il Boss. Non quello degli stadi pieni di folla, del “one…two…one, two, three, four…” che introduce la centesima canzone di una maratona musicale di quattro ore. Quando tutti sono stanchi tranne lui. «Questo album è un ritorno alle mie registrazioni da solista, con canzoni […]

Categorie
Rock or dust

A Saucerful of Secrets: il trapasso dei Pink Floyd e l’addio di Syd Barrett

“Suonate quello che volete, qualsiasi cosa”. Furono le parole che gli otto membri della International Staff Band, dell’Esercito della Salvezza, si sentirono dire da Syd Barret una volta giunti in studio. Avrebbe pensato lui a mettere tutto insieme. “È molto cortese da parte vostra pensarmi qui, e vi sono molto obbligato per aver chiarito che […]