Seleziona una pagina

Un’infanzia difficile, in una Philadelphia piena di gang in cui era più facile prendere la strada sbagliata. Un nome d’arte, Cornbread, nato come forma di protesta nei confronti del cuoco della scuola di recupero, Mr. Swanson, che cucinava solo pane bianco, al quale il piccolo Darryl preferiva di gran lunga il pane di mais – Cornbread, appunto – fatto in casa dalla nonna.

L’amore per Cynthia e la voglia di fama, che l’ha portato, marcando i muri di mezza Philadelphia con il suo nome, a diventare il primo graffiti artist di cui si abbia memoria. Ha impresso il suo nome ovunque, compreso il jet che portò i Jackson 5 a Philadelphia e il muro interno del recinto degli elefanti della città dell’amor fraterno, quest’ultimo in seguito alla diffusione di una fake news che lo vedeva morto in uno scontro con armi da fuoco, come riportato in questo articolo.

Qualche settimana fa, sono riuscito a mettermi in contatto con Darryl McCray – vero nome di Cornbread – dopo aver visitato Philadelphia e dopo aver visto un suo graffito in un locale della mia città, Napoli, nella quale era stato da poco.

Ci vuole poco a vincere ogni resistenza e concordare l’intervista, in cui mi ha raccontato i punti chiave della sua vita artistica.

L’INFANZIA A PHILADELPHIA E LE CATTIVE COMPAGNIE

Che ricordi hai della tua infanzia a Brewerytown, Philadelphia?

Crescendo a Brewerytown, sono stato allevato dai miei nonni, ferventi religiosi. Passavamo almeno quattro giorni alla settimana in chiesa, il che mi annoiava enormemente. La strada mi attirava quando camminavamo verso la chiesa, perché mi permetteva di vedere la vita al di fuori di quel contesto. Io e i miei fratelli siamo cresciuti in un ambiente isolato.

Mia madre ci ha sempre incoraggiato, a me e ai miei fratelli, a frequentare l’università. Tuttavia, ho sempre seguito il mio percorso e non ho mai ascoltato i suoi consigli, finendo spesso nei guai.

Non è passato molto tempo prima che iniziassi a frequentare la compagnia sbagliata, coinvolgendomi in atti criminali che mi eccitavano. Compievo rapine in negozi, treni merci, ristoranti, supermercati. Ero fuori controllo, e né mia madre né i miei nonni riuscivano a tenermi a freno. Non andavo a scuola, finivo spesso in custodia per il coprifuoco e mi trovavo frequentemente nei guai.

Nel quartiere c’erano diverse gang, ma io non mi sono mai affiliato a nessuna di esse. Non sono mai stato un membro di una gang. La mia vita era piena di bravate e avventure

CORNBREAD LOVES CYNTHIA

“Cornbread loves Cynthia” è una delle serie più emozionanti di Valentine murals a West Philadelphia. Vuoi raccontarci la storia dietro questi graffiti?

Ho incontrato Cynthia all’ottavo anno di scuola (l’equivalente della nostra terza media, ndr), quando fui rilasciato dalla scuola di recupero nel 1967.

Cynthia era una ragazza sveglia e intelligente, desiderava solo essere mia amica e nulla di più. Ero entusiasta di Cynthia, occupava costantemente i miei pensieri. Parlavamo molto al telefono, la accompagnavo alle lezioni alla Strawberry Mansion Junior High. Tuttavia, non ho mai rivelato a Cynthia di essere Cornbread, non sapeva che fossi un graffiti artist. Nella sua percezione, Darryl e Cornbread erano due persone diverse.

Ero solito accompagnarla da casa a scuola percorrendo ogni giorno la stessa strada. Iniziai a scrivere “Cornbread loves Cynthia” in modo che potesse vederlo, ma lei non si identificò mai come la Cynthia di cui Cornbread era innamorato. Iniziai a scrivere “Cornbread loves Cynthia” ovunque intorno alla Strawberry Mansion Jr. School. Nonostante i miei sforzi, Cynthia non faceva mai la connessione.

Fino a quando sono andato a casa sua una notte, ho scritto sul muro di fronte con un gessetto “Cornbread love, Cynthia”. Quando è venuta a scuola il giorno dopo, era furiosa.

Si è lamentata con me, ero il suo confidente, senza rendersi conto che ero il responsabile dell’impresa. Non è passato molto tempo dopo che ha scoperto la mia vera identità che la nostra relazione ha preso una svolta diversa. Purtroppo, la sua famiglia disapprovava e alla fine si sono trasferiti.

Nonostante tutto, ho continuato le mie attività di graffiti come Cornbread, lasciando il mio segno in tutta la città. Ero l’unico artista di graffiti al mondo che scriveva sui muri con l’unico scopo di affermare una reputazione.

DARRYL MCCRAY E L’ITALIA

Qualche giorno fa hai postato una foto sul tuo profilo con la caption “Cornbread loves Naples”. Qual è il tuo legame con Napoli e cosa rappresenta per te la città di Napoli?

Ho visitato diverse città in Italia. Per qualche motivo Napoli mi ricorda New York, specialmente la downtown – il centro, ndr – durante le festività. È stata un’esperienza gioiosa e ricca di avventure.

Ho trascorso del tempo con persone fantastiche che mi hanno trattato eccezionalmente bene. Il luogo in cui ho alloggiato era soddisfacente. Mi hanno costantemente invitato a mangiare, tanto che ho dovuto smettere di mangiare.

Ho proseguito con un tour, sono andato al mare, ho mangiato in diversi ristoranti, il cibo era ottimo e mi hanno trattato come se fossi un re. Poi siamo andati alla mostra d’arte, e ci siamo divertiti molto. Ho ricevuto lo stesso trattamento quando sono stato a Bassana, Roma e Venezia.

Amo l’Italia. C’è qualcosa di molto speciale riguardo all’Italia attraverso il Ministero della Cultura. Hanno il loro modo unico di fare le cose correttamente. Mi sento privilegiato di aver preso parte al 50° anniversario della Zulu Nation.

Ho incontrato molte persone interessanti che hanno visioni e idee per il futuro, e mi piacerebbe farne parte.

L’INSEGNAMENTO DI CORNBREAD

Nel corso degli anni, sei stato strettamente a contatto con i giovani nei ruoli di public speaker e youth advocate. Sulla base della tua esperienza, quali sono i principali messaggi che vuoi trasmettere ai giovani?

Rispettati.

Non permettere a nulla e a nessuno di interferire con il tuo essere autentico. Dalla vita ottieni ciò che dai. Vai a scuola, impara il più possibile. Nella vita arrivi solo fin dove la tua mente ti permette. Credi nei tuoi sogni e sforzati di realizzarli. Leggi molti libri: più leggi, meglio parli. Dedica del tempo a te stesso, rendi gloria a Dio, rispetta i tuoi genitori, credi sempre che non c’è nulla che non puoi fare e dimostralo a te stesso, ancora e ancora.

Per coloro che sono artisti, padroneggiate i fondamenti di base dell’arte, anche frequentando corsi per rinnovare le vostre competenze. Questo renderà le vostre abilità ancora più grandi in seguito.

About The Author