Seleziona una pagina

Ellis Island ha rappresentato la porta d’ingresso per la Terra di sogni e speranze, ma anche un fazzoletto di terra impastato di lacrime e dolore. È qui che, in un certo senso, si è fatta l’America: secondo alcuni studi genetici, infatti, circa un americano su quattro ha almeno un parente passato per questo atollo, dove sono state aperte le porte degli Stati Uniti d’America a oltre 12 milioni di persone.

(Entra Colantonio, con la moglie Gesummina e i due piccoli figli Filummenella e Mincuccio. Sono contadini lucani. Emigrano. Colantonio è un uomo giovane, dal volto affilato; è vestito di panno bigio, e ha un cappello di feltro a larghe tese, che gli conferisce un’aria di distinzione. Gesummina porta il vestito da festa, a vivaci colori. Lasciano cadere le loro robe, sulle quali la donna e i bambini seggono) .

Pascale (da la «voce»): «Cca sta Pascale d’ ’o stocco! Na bbona marenna!»”.

COLANTONIO (in piedi, appoggiato alla vanga ed alla zappa, legate insieme;)
“E io lasso ’a casa mia, lasso ’o paese,
e me ne vaco ‘America a zappare.
Pe’ Fa’ furtuna parto, e sto nu mese
senza vede’ cchiu terra: cielo e mare.
E lasso ’a casa mia, l’Italia bella,
pe’ ghi luntano assaje, ’n terra straniera.
E sotto a n’atu cielo e n’ata stella
trasporto li guagliuni e la mugliera.
E la accummencia la malincunia
penzanno a la campagna addo’ so’ nato;
a chella vecchia santa ’e mamma mia,
e a tutt’ ’e ccose care d’ ’o passato.
E ghiennemenne cu ’a speranza ’n core
ca vene ’o juorno che aggi’a riturna’,
saglio cchiù allero a buordo a lu vapore.
Ogge si parto è pe’ necessita!
Ma io lasso ’a casa mia, lasso ’o paese.

(Da “Scalo marittimo” di Raffaele Viviani)

Dopo aver alloggiato per diversi giorni nelle decadenti locande nei pressi del porto – dove spesso venivano privati di quei pochi beni di cui disponevano per la partenza – per centinaia di persone arrivava il momento della partenza.

Si partiva dall’Immacolatella, sotto lo sguardo benedicente di San Gennaro protettore dei migranti, dalla Sicilia, da Genova. Direzione: il nuovo mondo.

I migranti sono attesi da un gruppo di marinai ormai assuefatti a ogni forma di dolore su piroscafi spesso logorati dalla salsedine e dalle onde. Si dispongono in fila, tenendo ben stretti i pochi averi che porteranno con loro nel nuovo mondo. Un modo per avere a disposizione qualche bene di primissima necessità, ma soprattutto un qualcosa che abbia il sapore di casa, ammesso che non venga loro rubata dai facchini o da compagni di viaggio accecati dalla fame.

Suonano le sirene: è il momento di salutare i propri cari, di vederne il volto probabilmente per l’ultima volta. Tra i migranti saliti sul transatlantico, c’è chi tiene stretto in mano un gomitolo di lana. Ne lancia un capo alla persona amata e inizia a tenderne l’altra estremità.

Con l’allontanarsi del piroscafo, il gomitolo inizia a sciogliersi, i capi si tendono fino a spezzarsi. Quel filo di lana sarà tutto ciò che resterà di un amore ai due amanti divisi da un oceano.

Jammo addo’ lu destino cieco vo.

E chi sa si turnammo ancora cca.

Pe’ campa’ la famiglia e fatica’,

quanta mare avimm’a passa’!

(Il «Washington» salpa. Sventoli di fazzoletti, commoventi addii, auguri di buon viaggio. Solo, disperato, il povero Mincuccio singhiozza inutilmente; e Gesummina gridando lo invoca dall’alto del piroscafo. Il domestico s‘avvia accendendosi una sigaretta, spinto dal doganiere che lo fulmina con lo sguardo.)

(Da “Scalo marittimo” di Raffaele Viviani)

La seconda classe costa troppo, figuriamoci la prima: la maggior parte di essi viaggia in terza classe o, ancora peggio, in stiva. Negli oltre dieci giorni di viaggio, ognuna delle persone a bordo non vedrà altro che il blu con sfumature grigie dell’oceano.

Poi un quadrato di terra, costruito in gran parte con la ghiaia ricavata dagli scavi della subway: è Ellis Island.

Oggi, la Fondazione Statua della Libertà-Ellis Island ha reso l’antico edificio un museo in cui è possibile ripercorrere i passi effettuati da chi, dopo decine di giorni di navigazione, metteva piede sul suolo americano, rendendola una delle esperienze più toccanti che si possano fare a New York.

Per conoscere meglio la storia di Ellis Island e della Statua della Libertà, ho avuto l’onore di intervistare Jesse Brackenbury, President e CEO della Fondazione Statua della Libertà – Ellis Island.

Sono Corrado Parlati e ti do il mio più caloroso benvenuto a bordo!

LA FONDAZIONE DI ELLIS ISLAND

Come è stata fondata Ellis Island, il porto che ha accolto oltre 12 milioni di immigrati dal 1892 al 1954?

Prima dell’Immigration Act del 1891, gli stati individuali erano responsabili del processo di arrivo dei passeggeri e dell’applicazione delle leggi federali sull’immigrazione. Ad esempio, Castle Garden (ora Castle Clinton National Monument), situato nel Battery Park di Lower Manhattan e di fronte a Ellis Island sul fiume Hudson, fungeva da stazione di immigrazione di New York.

Jesse Brackenbury

Con l’aumentare del numero di arrivi, la supervisione dell’immigrazione fu riallocata al governo federale. Il 1° gennaio 1892, Ellis Island aprì come prima stazione federale di immigrazione del paese.

Parliamo del significato simbolico di Ellis Island. Per anni ha rappresentato la “Porta d’America”. In che modo ha influenzato la percezione degli Stati Uniti come la “Terra di speranze, sogni e opportunità”?

Il simbolismo di una porta è sia potente che accurato. Le porte offrono alle persone accesso a nuovi luoghi ed esperienze, ma allo stesso tempo tengono alcune persone fuori. Ellis era conosciuta come l’isola della speranza e l’isola delle lacrime per questa stessa ragione.

Le notizie su Ellis Island e il suo processo di ispezione si diffuse tra gli aspiranti immigrati in tutto il mondo. Le lettere inviate a casa descrivevano il processo di ispezione al porto di partenza e a Ellis Island. Pubblicazioni locali, come giornali e opuscoli delle società di assistenza agli immigrati, servivano anche per aiutare coloro che cercavano di venire in America a navigare nella burocrazia di Ellis Island.

La minaccia di detenzione e deportazione sembrava molto reale per quei 12 milioni di immigrati processati a Ellis Island, anche se solo il due per cento di loro venne effettivamente deportato.”

LE STORIE DEGLI IMMIGRATI ARRIVATI A NEW YORK CITY

Puoi condividere alcune delle storie più toccanti e significative degli immigrati che sono passati per Ellis Island?

Per le famiglie che tracciano le loro radici attraverso Ellis Island, ogni storia è toccante e significativa, ma due delle storie che conosciamo emergono come attuali.
a) Frank Woodhull era un immigrato nato in Canada. Viveva in California da diversi anni quando fece un viaggio all’estero e tornò negli Stati Uniti attraverso Ellis Island nell’ottobre del 1908. Durante il processo di ispezione, Frank Woodhull rivelò di essere nato con il nome Mary Johnson. Il nome di Frank Woodhull fu barrato nel manifesto della nave, e sopra di esso si può vedere scritto “Mary Johnson”.

Frank spiegò che aveva iniziato a presentarsi come uomo quindici anni prima a causa delle difficoltà che aveva incontrato vivendo con un’identità femminile. Le leggi dello stato di New York all’epoca vietavano alle persone di indossare abiti che non appartenevano al loro genere assegnato, e Frank disse alle autorità dell’immigrazione che, se avesse conosciuto questa legge, avrebbe trovato un altro modo per rientrare nel paese.

La Ellis Island Board of Special Inquiry giudicò Frank un “immigrato desiderabile”, e gli fu permesso di continuare il suo viaggio verso la sua destinazione prevista, New Orleans. Non sappiamo nulla del viaggio di Frank dopo il 1908.

b) Julius Kerwin Stein nacque in una famiglia di immigrati ebrei ucraini a Londra. Da bambino, la sua famiglia lasciò il Regno Unito e emigrò a Chicago attraverso Ellis Island. In seguito avrebbe frequentato il Chicago Musical College e, con il nome di Jule Styne, sarebbe diventato uno dei più noti compositori e cantautori del ventesimo secolo. Le sue canzoni si possono ascoltare nei musical di Broadway come Funny Girl, Gypsy e Gentlemen Prefer Blondes.

Con la stagione delle festività alle porte, vale la pena notare che Jule Styne è uno dei tanti immigrati ebrei e figli di immigrati ebrei che hanno composto alcune delle nostre più amate musiche natalizie. I suoi talenti ci hanno regalato i brani natalizi “The Christmas Waltz” e “Let It Snow! Let It Snow! Let It Snow!”

Ellis Island immigrazione

Quali gruppi di immigrati sono stati i più numerosi e influenti nella storia dell’immigrazione attraverso Ellis Island?

I più grandi gruppi etnici che sono arrivati tra il 1899 e il 1931, durante i “peaky years” (anni di massimo flusso, ndr) di Ellis Island, secondo i Servizi di Immigrazione e Naturalizzazione, sono stati:

  • Italiani – 3.931.294
  • Ebrei – 1.911.253
  • Tedeschi – 1.644.107
  • Polacchi – 1.508.653

La designazione degli immigrati dalle famiglie ebree come “Ebrei”, indipendentemente dalla loro nazionalità, oscura i numeri. Certo, c’erano immigrati ebrei che si identificavano come tedeschi, polacchi, ecc. Nei manifesti dopo il 1903, “Nazionalità” e “Razza” sono registrati in due colonne separate, e nei manifesti dei passeggeri si specifica che la “Razza o Popolo” deve essere determinata dalla stirpe da cui provengono e dalla lingua che parlano.

È più difficile misurare l’influenza di ciascun gruppo etnico. Membri di gruppi più grandi, come gli italiani e i passeggeri ebrei, hanno avuto un impatto evidente sull’esperienza di New York e dell’America in generale. Irving Berlin, che arrivò come Israel Beilin nel 1903, contribuì più di chiunque altro al Canzoniere Americano. I fratelli Piccirilli sono responsabili della creazione di monumenti come le statue dei leoni della New York Public Library e il Lincoln Memorial a Washington, DC.

Gruppi più piccoli hanno influenzato la cultura americana. Sebbene il numero di immigrati afro-caraibici sia relativamente piccolo, non potremmo celebrare il Rinascimento di Harlem senza il poeta Eulalie Spence e lo scrittore Claude McKay, entrambi immigrati dalle Indie Occidentali britanniche. Solo 230.000 finlandesi immigrarono tra il 1899 e il 1931, ma uno di loro era l’architetto Eero Saarinen, senza il quale non avremmo il Gateway Arch a St. Louis, il TWA Flight Center all’aeroporto JFK o l’edificio CBS a Midtown Manhattan.

IL SIGNIFICATO DELLA STATUA DELLA LIBERTA’

Riguardo al vero significato della Statua della Libertà e alle varie storie e leggende che circondano la sua ispirazione, qual è stata effettivamente la fonte di ispirazione per la sua creazione e quale è la rilevanza della Statua della Libertà nel mondo contemporaneo?

Nel 1865, il francese Edouard de Laboulaye propose l’idea di presentare un dono monumentale dal popolo francese al popolo degli Stati Uniti. Esperto della Costituzione degli Stati Uniti e fervente abolizionista, Laboulaye intendeva celebrare gli stretti rapporti tra le due nazioni e commemorare la fine della schiavitù negli Stati Uniti.

Lo scultore e compatriota francese Frederic-Auguste Bartholdi condivideva la stessa visione di Laboulaye e iniziò a concepire una struttura colossale che sarebbe stata conosciuta come Liberty Enlightening the World (La Libertà che illumina il mondo, ndr).

Il design di Bartholdi comprendeva molto simbolismo: la sua corona rappresenta la luce con le sue punte che evocano raggi solari che si estendono verso il mondo; l’iscrizione sulla sua tavoletta, 4 luglio 1776, segna il giorno in cui gli Stati Uniti dichiararono l’indipendenza dalla Gran Bretagna; per simboleggiare la fine della schiavitù, Bartholdi collocò catene e manette spezzate ai piedi della statua.

Nel Museo della Statua della Libertà, i visitatori apprendono la storia del monumento e vengono ispirati a riflettere su cosa significhi Liberty per loro. Ad esempio, la mostra “Becoming Liberty” invita i visitatori a selezionare immagini e parole che riflettono il loro concetto di libertà, come libertà, istruzione e comunicazione.

Esiste una connessione simbolica e percettiva tra Ellis Island e la Statua della Libertà?

La Statua della Libertà fu ufficialmente svelata nel porto di New York il 28 ottobre 1886. In quel periodo, l’immigrazione non era tra i concetti associati al monumento.

Tale connessione si sviluppò decenni dopo, quando una targa con il poema “Il Nuovo Colosso” di Emma Lazarus fu posta sul piedistallo della statua. Oggi, le sue parole immortali “Give me your tired, your poor, your huddled masses yearning to breathe free” simboleggiano l’immigrazione.

Statua della libertà

L’IMPORTANZA CONTEMPORANEA DI ELLIS ISLAND

Quali sono i piani futuri per Ellis Island e come intendete preservarne l’importanza storica per le generazioni future?

La Fondazione Statua della Libertà-Ellis Island è un’organizzazione no-profit che collabora con il National Park Service in uno dei partenariati pubblico-privato più riusciti d’America. Nel 1982, il presidente Ronald Reagan chiese alla business icon Lee Iacocca di guidare uno sforzo filantropico del settore privato per raccogliere fondi e sovrintendere al restauro e alla conservazione della Statua della Libertà e di Ellis Island. Persone da tutto il mondo risposero con entusiasmo, continuando a farlo anche oltre 40 anni dopo, donando centinaia di milioni di dollari per sostenere la missione della Fondazione.

Le altre iniziative principali della Fondazione includono la creazione di un museo sull’immigrazione a Ellis Island, la costruzione del Museo della Statua della Libertà, l’istituzione del Muro d’Onore degli Immigrati Americani, la creazione del Database dei Passeggeri di Ellis Island con 65 milioni di record e il finanziamento di centinaia di altri progetti sulle isole.”

www.libertyellisfoundation.org

Facebook  |  Twitter  |  Instagram  

A Suzanne Mannion e alla Fondazione Statua della Libertà – Ellis Island va un sentito ringraziamento.

About The Author