ALE pezzo latino
Musica

ALE: “Pezzo Latino è una valvola di sfogo ma anche un gioco per sperimentare” [INTERVISTA]

Alessandra Ciccariello, in arte ALE, è una diciottenne cantautrice napoletana. Le sue canzoni nascono tra le corde di una chitarra, i type beat di YouTube e Garage Band, portando un mix che unisce i suoni tradizionali della sua terra con quelli contemporanei.

Per conoscerla meglio e presentare “PEZZO LATINO”, il suo nuovo singolo, ho scambiato due chiacchiere con lei.

ALE, “PEZZO LATINO” E LE ESPERIENZE AD AMICI E X FACTOR

– Chi è Alessandra Ciccariello e come si è avvicinata al mondo della musica?

Alessandra è una ragazza che si batte costantemente per realizzare i suoi desideri, quasi tutti inerenti alla musica, la cosa che le riesce meglio (o almeno credo).

Questa passione per la musica non è nata in un preciso momento, ce l’ho da sempre…mi è sempre piaciuto cantare, ballare e da quando ho 12 anni anche suonare. È stato tutto così naturale.

– Da pochi giorni è disponibile in rete il tuo nuovo singolo. Vuoi raccontarci com’è nato “Pezzo latino”?

“PEZZO LATINO” nasce grazie a uno dei miei tanti momenti “no”, che il processo di scrittura riesce a trasformare sempre in un grande “SÌ!”.

È stata una valvola di sfogo ma anche un gioco per sperimentare nuovi sound e slang, infatti al primo ascolto è difficile trovare il senso del brano, proprio perché il testo e la musica vanno in due direzioni diverse, come se fossero testa e cuore.

“PEZZO LATINO” mi rappresenta al 100%.

– “Pezzo latino” è un brano sospeso tra tradizione e modernità. Quali sono i principali artisti che, nel corso della tua vita, hanno maggiormente influenzato il tuo gusto musicale?

A casa ho praticamente tutti i cd di Pino Daniele, quindi sono cresciuta a ritmo di “Je so Pazz” e “Che Dio mi benedica”, per citarne un paio. Stessa cosa per Eduardo De Crescenzo ed Enzo Avitabile.

Tra gli artisti contemporanei, sicuramente Luchè e Marracash hanno avuto una grande influenza sul mio metodo di scrittura e, in generale, aspiro alla loro maturità musicale. 

– Nel 2020 hai partecipato ai provini di X-Factor, mentre nel 2021 ti sei aggiudicata il banco ad Amici. C’è un insegnamento particolare che hai ricevuto da queste esperienze che vuoi condividere con noi?

Grazie a queste esperienze ho imparato a non dare mai nulla per scontato, soprattutto un banco prestigioso come quello di Amici.

X-Factor mi ha catapultata in un mondo completamente nuovo, che ti dà tante soddisfazioni ma, a volte, mi sono sentita come un bersaglio da colpire mentre tutti avevano le frecce tranne me.

Queste esperienze mi hanno fortificata e ne sono uscita “più forte di prima”.

– Cosa c’è nel futuro di Ale?

Tanta tanta musica per dimostrare a chi ha creduto in me che ne è valsa la pena e per far ricredere gli scettici.

Siamo solo all’inizio. 

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.