Peter Erksine intervista
Interviste

Peter Erskine: “Vi racconto il mio amico Pino Daniele” [INTERVISTA]

Peter Erskine è uno dei batteristi jazz più apprezzati al mondo. Ha iniziato a suonare all’età di 18 anni con la Stan Kenton Orchestra, ha collaborato alla realizzazione di più di 600 dischi, tra cui “8:30” con i Weather Report, che gli è valso un Grammy.

Peter Erskine, inoltre, è il cuore pulsante della sezione ritmica di quattro album di Pino Daniele: “Yes I Know My Way (The best of)”, “Medina” (2001), “Passi d’Autore” (2004) e “Il mio nome è Pino Daniele e vivo qui”.

Per parlare di questi album e ripercorrere alcune delle tappe fondamentali della sua carriera, ho scambiato due chiacchiere con lui.

DAGLI ESORDI AI WEATHER REPORT: PETER ERSKINE SI RACCONTA

Come si è avvicinato Peter Erskine al mondo della musica?

peter erksineLa musica mi ha fatto interessare alla musica!

Ho sempre saputo che sarei stato un musicista, non era questione di volerlo essere. Mio padre ascoltava dischi in vinile a casa nostra, musica dall’Africa, Trinidad, oltre a registrazioni di hard bop e grandi band.

Mi piacevano anche i musical di Broadway e la musica che ascoltavo in televisione (da programmi TV e film).

Ti sei laureato alla Interlochen Arts Academy nel Michigan, poi hai studiato percussioni all’Università dell’Indiana. Quanto ti ha influenzato musicalmente? Come si è sviluppato il tuo sound, in questi anni?

Suonare le percussioni in un’orchestra mi ha insegnato la disciplina – sia da un punto di vista pratico sia in termini di fusione dinamica e musicale in un ensemble -, la concentrazione e mi ha aiutato a sviluppare il mio “orecchio”.

La formazione in grandi ensemble è il migliore per sviluppare sia le abilità sia la sicurezza alla batteria.

Interlochen era il luogo in cui sono cresciuto. L’Università dell’Indiana ha perfezionato il mio intelletto e le mie capacità.

Penso ancora al professor George Gaber e alle sue lezioni sul tocco. Ho capito quanto sia importante la tonalità per il suono e la sensazione della batteria nella musica che suono.

Nel 1978 ti sei unito ai Weather Report, raggiungendo Jaco Pastorius nella sezione ritmica. C’è un ricordo speciale di quel periodo che vuoi raccontarci?

Molti bei ricordi, ricordo soprattutto le risate. Abbiamo lavorato sodo ma ci siamo divertiti. Jaco mi ha portato nella band e avevamo la metà dell’età di Joe e Wayne. Eravamo dei ragazzini!

GLI ANNI AL FIANCO DI PINO DANIELE

Nel 1998 sei stato scelto per suonare in “Yes I Know My Way (The Best Of)” di Pino Daniele. Ricordi il tuo primo incontro con lui?

Il mio socio e amico di lunga data Luciano Linzi mi ha contattato per conto della casa discografica, inviandomi un fax a casa con cui mi chiedeva se potessi venire a Roma, prima o poi, per registrare con Pino.

Quel fax mi è stato inoltrato a Vienna, dove mi stavo proprio preparando a salire su un treno che sarebbe andato a Roma quella stessa notte! (Io con la mia famiglia, vado in Italia a trovare mia sorella Lois e suo marito Roberto, che vivono a Roma).

Così, il giorno dopo Natale, ho conosciuto Pino allo Studio Plastico. La prima canzone che ho registrato per lui è stata “Amore senza fine”, sovraincidendo la batteria sulla traccia. Il bassista Jimmy Earl ha sovrainciso la sua parte in seguito (e ha fatto un ottimo lavoro).

È stata una gioia lavorare con Pino, anche se questa canzone era nuova per me mi sembrava di conoscerlo da una vita…questo è il segno distintivo di una grande canzone! Pino è sempre stato molto gentile.

Dopo “Yes I Know My Way (The Best Of)”, hai suonato la batteria in “Medina”, “Passi d’Autore” e “Il mio nome è Pino Daniele e vivo qui”. Se dovessi scegliere la tua canzone preferita da ciascuno di questi album, quale sceglieresti e perché?

Pino Daniele Medina“Medina” (qui su Spotify, ndr) è stato un album difficile da realizzare per me, poiché mio padre era morto negli Stati Uniti uno o due giorni prima dell’inizio del progetto discografico.

Ero costantemente in volo, per onorare il mio impegno con Pino e altri progetti orchestrali che si svolgevano nel Regno Unito, oltre a partecipare al funerale di mio padre a casa.

Nel frattempo, Pino e uno dei percussionisti egiziani hanno avuto una grossa lite, e quando sono tornato a Roma l’atmosfera in studio era molto tesa. Fortunatamente, il mio buon amico Mike Mainieri era il produttore e ha aiutato a sistemare le cose, ma la registrazione non ha mai avuto un buon feeling.

E poi, oltre a tutto questo, l’album è uscito pochi giorni dopo l’11 settembre, e NESSUNO era interessato ad ascoltare un album crossover con radici e punti di riferimento islamici e/o mediorientali. Un progetto sfortunato. “Acqua passata” o “Sara non piangere” hanno entrambe un buon feeling da parte di Pino, immagino.

Pino Daniele Passi d'autoreQuella di “Passi d’Autore” (qui su Spotify, ndr) è stata una registrazione adorabile. Pino ha invitato il mio trio con Alan Pasqua e il compianto Dave Carpenter a realizzare l’album con lui. Siamo andati da Los Angeles in Italia e, praticamente, siamo andati direttamente da Roma Fiumicino in studio per sistemare gli strumenti e, forse, provare un po’.

Abbiamo registrato “Nuages” in una sola take con Pino quel giorno! (Sono io che suono così bene le percussioni?)

Un album magico. Anche “Pigro” è una bella canzone. Durante il mio più recente tour in Italia con il mio Trio (di nuovo, con Alan e, ora, Darek Oles al basso), abbiamo suonato l’arrangiamento di Pino di “Nuages” di Django Reinhardt in molti dei nostri concerti. La gente lo adorava. Pino ci ha presentato questa meravigliosa canzone. Aveva un amore, un apprezzamento e una conoscenza molto profondi della musica.

Il mio nome è Pino Daniele e vivo qui“Il mio nome è Pino Daniele e vivo qui” (qui su Spotify, ndr)… non lo so, questa registrazione è stata fatta un pomeriggio in studio con Dave Carpenter e il sassofonista Bob Shepherd, non abbiamo suonato in molte delle canzoni.

“Blues del peccatore” suona abbastanza bene, regge ancora… alcune delle altre cose sono un po’ datate a causa dei suoni e della produzione. Ma tutto quello che Pino ha fatto è stato buono. Ho citato più volte il suo nome (e il fatto che ho suonato in alcune sue registrazioni) nei ristoranti italiani di tutto il mondo, e sono sempre stato trattato benissimo da questi posti!

Inoltre Pino era un musicista che ammiravo molto ed ero molto felice e orgoglioso di conoscerlo da amico.

I PROGETTI FUTURI DI PETER ERSKINE

Peter, quali sono i tuoi progetti futuri?

Grazie al mio buon amico Alessandro Travi e alla Coop. ZenArt, sono stato in grado di rivisitare l’Italia e fare un tour con il mio trio di pianoforte lo scorso novembre, interrompendo un’assenza di quasi 2 anni dalla scena mondiale.

Il concerto finale, svolto nella bellissima sala da concerto di Camogli, è stato registrato ed è ora in fase di missaggio per un’eventuale pubblicazione su entrambi i formati reel-to-reel tape e vinile LP, nonché piattaforme digitali.

È una bella coincidenza che tu mi chieda di Pino Daniele, dato che abbiamo suonato una canzone di “Passi d’Autore” (Nuages), e l’esecuzione porterà sia un sorriso che una lacrima all’ascoltatore, te lo prometto.

Per il resto, mi tengo impegnato a insegnare all’Università della California del sud e a utilizzare la configurazione video a 7 telecamere nel mio studio a casa per fornire istruzioni agli studenti di tutto il mondo.

La mia azienda, Fuzzy Music, sta producendo attivamente app di accompagnamento per iOS per tutti gli strumenti in molti stili (standard, big band, afro-cubana e brasiliana).

Sto anche lavorando a un nuovo libro che unirà il mio amore per la scrittura e la fotografia.

Ad Alessandro Travi e Peter Erskine va un sentito ringraziamento.

Foto di Marco Glavano

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.