Gail ann dorsey bowie
Interviste

Gail Ann Dorsey: “A New York con Bowie mi è sembrato di vivere un sogno” [ESCLUSIVA]

Gail Ann Dorsey è pronta a tornare con una serie di tracce nuove, dopo un decennio di attesa, prima di fare il giro del mondo con un artista francese di cui conosceremo il nome nei prossimi giorni.

Per presentare i nuovi progetti e ripercorrere le tappe principali della carriera di questa straordinaria cantante e bassista, che per quasi un ventennio è stata al fianco di David Bowie, ho avuto il piacere di scambiare due chiacchiere con lei.

Com’è stato il primo approccio di Gail Ann Dorsey con la musica? C’è stato un momento in cui hai capito che nella vita avresti voluto vivere di musica?

gail ann dorseyFin da quando ero piccola, sapevo che la musica era il linguaggio, l’emozione e il conforto più incredibili che esistessero al mondo, e sapevo che avrei dovuto farne parte in qualche modo… dovevo imparare a parlare, a comunicare attraverso la musica.

Ero la più giovane di 5 figli, e i miei fratelli, mia sorella ed io avevamo diversi anni di differenza, quindi la prima musica che ho sentito oltre ai classici della radio AM americana dell’epoca sulla radio a transistor che mia madre aveva sempre in casa, mi sono appassionata alla musica degli album che i miei fratelli maggiori avevano nella loro collezione.

Era un ottimo mix di roba, dal rock al funk, al soul e all’R&B, e oltre. Artisti come Jimi Hendrix, Cream, Earth, Wind & Fire, Carole King, Pink Floyd, Donny Hathaway, Roberta Flack, Chicago, Steely Dan, Rufus & Chaka Khan, Curtis Mayfield… un’incredibile miscela di musica straordinaria. Non ne ho mai abbastanza!

A ventidue anni ti sei trasferita a Londra. Che impatto ha avuto questa decisione sul modo di fare musica di Gail Ann Dorsey?

Trasferirmi a Londra è stata una delle decisioni migliori e più importanti che abbia mai preso, e non sarei potuto arrivare in un momento o in un luogo migliore di Londra per la musica popolare, negli anni ’80.

L’influenza principale che il trasferimento a Londra ha avuto su di me, da un punto di vista musicale, è stata principalmente il fatto che è stato il luogo in cui è iniziata la mia carriera di musicista professionista.

Il fatto che fossi in grado di sostenermi suonando di per sé ha avuto un grande effetto sul mio modo di suonare e di cantare e sul mio “sound”. Inoltre ho lavorato con una varietà di artisti diversi, sia come bassista che come cantante, in più ho affrontato nuove esperienze musicali e sfide, e solo “facendo” sono cresciuta come musicista.

Qualunque sia il “sound” che ho ottenuto durante quel periodo è venuto dall’essere sempre curioso di provare nuove tecniche e attrezzature, e anche diventando un’ascoltatrice migliore.

Penso che sia altrettanto importante essere un eccellente ascoltatore oltre che un grande musicista o cantante.

Avere l’opportunità di suonare, o almeno tentare di suonare una gamma di stili diversi con i diversi artisti con cui ho lavorato durante il mio periodo a Londra, è stata un’educazione inestimabile… un periodo che amo e di cui conservo ricordi molto affettuosi. Londra mi sembrerà sempre un po’ “casa”, e Londra è ancora un luogo che nutre molto amore e rispetto per il mio lavoro, che apprezzo sinceramente.

LA COLLABORAZIONE CON DAVID BOWIE

Nel 1995, sei stata chiamata da David Bowie per l’Outside Tour. Ricordi il tuo primo incontro con lui?

David mi telefonò personalmente per chiedermi se volessi prendere parte a quel tour.

A primo impatto, pensai che fosse uno scherzo organizzato da uno dei miei amici da Londra, ma dopo un minuto di “chi è realmente al telefono? Dai!”, ho capito che si trattava realmente di David.

Mi ha spiegato come sarebbe stato il tour, l’intero double bill con i Nine Inch Nails, chi altro era nella band, quanto sarebbe durato, ecc. Non ha dovuto torcermi il braccio. Non avrei mai potuto rifiutare l’opportunità di suonare con David Bowie!

Il mio primo incontro con David è stato in realtà il primo giorno di prove per l’Outside Tour a New York City. Quel giorno ero terrorizzata all’idea di entrare in una sala prove con musicisti i cui nomi erano su molti degli album che adoravo a Filadelfia negli anni ’70 come Carlos Alomar e Mike Garson.

Per non parlare del fatto che in qualche modo ero stata selezionata e convocata dallo stesso David Bowie per unirmi ai ranghi dei tanti musicisti unici, talentuosi e iconici come Reeves Gabrels, Earl Slick, George Murray, Carmine Rojas, Dennis Davis… Su! David stesso era incredibilmente accomodante, affascinante e divertente quel giorno, e mi ha fatto sentire benvenuta e a mio agio, nonostante la mia ansia interiore di poter suonare in compagnia di una tale regalità musicale.

Dopo l’Outside Tour, hai partecipato alla realizzazione di Earthling (1997), Heathen (2002), Reality (2003) e The Next Day (2013). Se dovessi scegliere una canzone da ognuno di questi dischi, quale sceglieresti e perchè?

Da “Earthling” direi “Seven Years in Tibet”. Ricordo di aver inventato un “concept” per la linea di basso sui versi e sul corpo principale della canzone ai Looking Glass Studios di New York, dove abbiamo lavorato molto in quel periodo.

Ero davvero orgogliosa di come la mia idea di creare una sorta di linea di basso avvolgente e non ripetitiva, che paragono a un serpente che striscia nell’erba, che si è intrecciata intorno alla voce solista e ha creato il suo piccolo universo gentile all’interno della canzone. Poi, quando entra in funzione con gli accordi di potenza rock di ottava nota sui ritornelli, è sempre stato un grande contrasto e un’assoluta gioia da suonare dal vivo.

Non ho davvero partecipato alle sessioni di registrazione per l’album “Heathen“. C’erano alcune tracce bonus che sono state aggiunte a un’edizione speciale di questo album in cui ho suonato il basso. Alcune delle quali sono ora nell’album “Toy” di prossima uscita. Una delle mie canzoni preferite da suonare dal vivo durante il tour “Heathen” è stata probabilmente “Slip Away” perché sono un fanatico di quei grandi cori giganti in stile ballata.

Reality” è un altro album in cui non sono stata coinvolta tanto quanto in “Earthling”, “Toy” e “The Next Day”, ma ricordo di aver partecipato ad alcuni cori. La canzone “She’ll Drive The Big Car” era una delle mie preferite per cantare i cori e suonare il basso per gli spettacoli dal vivo. La canzone stessa è un geniale ibrido di stili, tutti racchiusi in un classico pacchetto di arrangiamenti à la Bowie con un grande e bellissimo fiocco in cima! Che bella canzone!

Difficile scegliere un preferito da “The Next Day“. L’intero album, così come l’edizione contenente le tracce bonus, è un capolavoro per me, e poi lui ha completato il tutto con il genio di “Blackstar”. Pochi artisti, se ce ne sono, hanno un repertorio così straordinario da lasciare alle spalle.

The Stars (Are Out Tonight)” ha uno dei miei stili di basso preferiti da suonare. È una specie di groove Old soul-Motown che con il batterista giusto è paradisiaco da suonare! Devo anche menzionare “If You Can See Me“, dove canto un improvvisato all’inizio della canzone e mi armonizzo con David nei ritornelli. Ricordo che mi ha chiesto di cantare, solo di inventare qualcosa all’inizio della canzone, e non avevo idea di cosa avrei fatto in quelle poche battute. La canzone in sé è anche incredibilmente drammatica e potente, e la adoro!

C’è un ricordo speciale dei tour con David Bowie che vuoi raccontarci? Qual è stato l’elemento che più ha colpito Gail Ann Dorsey del suo modo di fare musica e di esibirsi dal vivo?

Ho fatto così tanti tour con così tanti artisti diversi negli ultimi 30 anni, che risulta difficile ricordare molti dei dettagli a questo punto, ma ho un ricordo speciale con Bowie che rimane sempre chiaro nella mia mente e nel mio cuore. Si tratta del concerto per il cinquantesimo compleanno di David al Madison Square Garden di New York all’inizio del tour Earthling.

La preparazione per quello spettacolo, le prove, tutti gli artisti ospiti speciali che sono stati coinvolti, la scenografia, i costumi, l’illuminazione, gli oggetti di scena, tutti gli artisti che hanno lavorato per mettere insieme quello spettacolo… è stata una delle esperienze più magiche che abbia mai fatto fino ad oggi! Stavo davvero vivendo un sogno. Fin dalla mia infanzia a Filadelfia sognavo di essere in una grande produzione a New York City! Oh!

L’elemento che mi ha colpito di più del modo di fare musica e di esibirsi di David è stato quanto fosse capace di farlo sembrare facile e quanto si sentisse a suo agio nel farlo. Raramente era prezioso, o insicuro, o pressante, o dubitava di se stesso. Tutto sembrava fluire da lui naturalmente, come l’acqua in un ruscello, e lavorare con lui per raggiungere i suoi obiettivi musicali e artistici era come fare un bel tuffo rinfrescante in quel ruscello.

Era sempre una gioia venire a lavorare ed essere in sua presenza… la presenza di un Maestro.

IL FUTURO DI GAIL ANN DORSEY

“Finalmente mi sento ricaricata e tornerò molto presto con altra ottima musica e cose su cui aggiornarvi…” hai scritto in un recente post sulla tua pagina Facebook. Puoi darci qualche anticipazione a riguardo?

Cercare di ricomporre il mio lavoro e la mia vita personale iè stata una sfida preoccupante ed estenuante, ma sento che sto iniziando a chiarire alcune nuove direzioni e possibilità per il presente e il futuro.

È passato troppo tempo da quando ho pubblicato nuova musica da solista.

So che sto stuzzicando con il rilascio di nuovo materiale originale da oltre un decennio, ma attualmente sto completando alcune tracce a cui ho iniziato a lavorare qualche anno fa e sto anche iniziando a scrivere qualcosa di nuovo.

La tournée con Lenny Kravitz e tutti gli altri progetti in corso mi hanno tenuta troppo occupata per applicare l’attenzione necessaria per fare tutto!

Ho in programma di andare in tournée l’anno prossimo con un artista francese (sto aspettando che l’artista annunci ufficialmente che mi unirò alla loro band) al cui nuovo album ho avuto il grande onore e il piacere di lavorare quest’anno. Temo di non poter fornire ulteriori dettagli al riguardo in questo momento.

Ci sarà un annuncio su questo molto presto ma, nel frattempo, ho finalmente iniziato attivamente a rifinire alcune tracce di GAD per il rilascio all’inizio del prossimo anno prima di – si spera – riprendere a mettermi in viaggio. Incrociamo le dita, non vedo l’ora di prenotare alcuni miei concerti in Europa e negli Stati Uniti nel prossimo futuro!

Da febbraio di quest’anno ospito i gentili e bellissimi sostenitori della mia campagna Patreon, offrendo registrazioni di cover di canzoni, foto personali e videoclip dalla mia collezione privata e altre chicche. Il mio programma è diventato improvvisamente molto più impegnato dalla fine di settembre, quindi non ho avuto il tempo che vorrei dedicare alla mia comunità Patreon (disponibile a questo link, ndr), ma sono felice di dire che riprenderò il divertimento alla fine di questo mese di Novembre! È un modo super divertente per me di connettermi direttamente con i miei fan e altri amanti della musica e dell’arte, e presto condividerò parte del mio processo di registrazione e scrittura solo con i miei abbonati a Patreon. Se qualcuno è interessato allo “scoop interno”, può iscriversi e partecipare alla festa!

Chiunque può anche trovare maggiori informazioni o contattarmi tramite Facebook, Instagram, Twitter, ecc. visitando il sito ufficiale, disponibile qui, e facendo clic sui collegamenti.

A Gail Ann Dorsey va un sentito ringraziamento

Intervista a cura di Corrado Parlati

Prima di lasciarci, leggi anche la mia intervista a Woody Woodmansey, batterista degli Spiders from Mars, la band che ha accompagnato David Bowie all’inizio degli anni ’70.

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *