ESCLUSIVA – Alla scoperta dei Mammal Hands, tra jazz ed elettronica con Jordan Smart

ESCLUSIVA – Alla scoperta dei Mammal Hands, tra jazz ed elettronica con Jordan Smart

I Mammal Hands sono un gruppo, fondato a Norwich, che fonde il jazz con sonorità elettroniche e provenienti dalla world music, generando una fusion davvero unica.

Jordan Smart, sassofonista del gruppo, ha gentilmente concesso un’intervista ai nostri microfoni, raccontandoci com’è nato il gruppo, quali sono le loro principali influenze musicali e come si svolge il loro processo di songwriting.

Mammal Hands: intervista a Jordan Smart

Come ti sei avvicinato alla musica? C’è stato un momento, magari durante la tua infanzia, in cui hai capito che nella vita avresti voluto fare il musicista?

jordan smartPenso che quel momento sia arrivato più tardi per me. Io e mio fratello suonavamo molto insieme quando eravamo più giovani, ascoltavamo molta musica e avevamo varie band, e penso che sia sempre stata la nostra forza trainante, la cosa che ci aiuta a esplorare i nostri sentimenti e pensieri e navigare nella vita.

Credo che nel momento in cui mi sono reso conto che avrebbe potuto essere anche un lavoro, avevo circa vent’anni, dopo aver seguito alcune altre rotte e vari lavori che non andavano così bene.

Soprattutto l’essermi avvicinato al sax tenore all’età di 18 anni, è stata una vera svolta per me nel trovare una “voce musicale”.

In precedenza avevo suonato principalmente chitarra e pianoforte e poche altre cose, ma il sax mi ha davvero aperto molte opzioni e ha risuonato con me come area per la scrittura e l’esplorazione.

Ti sei trasferito a Norwich quando avevi quindici anni e, in fase iniziale, hai suonato come artista di strada. Quanto ti ha influenzato dal punto di vista musicale? Come sono nati i Mammal Hands?

Sono nato a Welwyn Garden City e sono cresciuto tra l’Essex e l’Hertfordshire, ma la mia famiglia si è trasferita a Norwich per lavoro quando avevo 15 anni.

È stata una mossa estremamente influente sia per me che per mio fratello, dato che vivevamo prima in un posto senza concerti, senza band emergenti, e ogni estate dovevamo andare in viaggio per festival per ascoltare la musica che amavamo in tutto il paese.

Credo che l’accesso alla cultura e alla musica dal vivo, che è stato improvvisamente disponibile a Norwich, sia stato di grande aiuto per noi.

Entrambi abbiamo iniziato a suonare regolarmente in strada, principalmente suonando chitarra e sax, improvvisando e suonando composizioni che abbiamo scritto insieme. Ci ha aiutato in molti modi ad abituarci a suonare di fronte a molte persone, in un ambiente a bassa pressione, dove potevamo sperimentare.

Abbiamo anche incontrato molti amici e collaboratori in questo modo, uno dei quali era Jesse, ed è così che sono nati i Mammal Hands.

“Chaser” e “Prism” sono i due nuovi singoli firmati Mammal Hands. Quali sono state le fonti d’ispirazione per questi due brani?

Chaser era un’idea introdotta da Nick, un riff ad alta energia che stava suonando. In un certo senso è molto poco convenzionale per noi, in quanto è probabilmente la cosa più vicina a una canzone pop, in termini di struttura, che abbiamo mai realizzato.

Ha una sfumatura punk e suona principalmente per ottenere la massima energia possibile dal semplice fraseggio.

Ha lo scopo di incapsulare il sentimento di essere inseguito o perseguito, un sentimento molto comune negli stili di vita moderni, e si spera che dia anche un senso di esaltazione e liberazione.

Contrasta con Prism, che in realtà è stata scritta in modo completamente diverso. Abbiamo tagliato i loop di Nick e Jesse dalle sessioni in studio e abbiamo suonato con strutture e tempi prima di sovrapporre il sax in una take.

Questo è un approccio completamente nuovo per noi, poiché normalmente facciamo tutto completamente dal vivo e insieme in studio.

La musica dei Mammal Hands combina ambient, jazz, musica elettronica e world music. Com’è nata questa fusion e come si è sviluppato il vostro sound in questi anni?

È successo molto inconsciamente. Tutti e tre ascoltiamo molti stili musicali diversi. Io e Nick lavoriamo regolarmente anche come DJ, quindi condividiamo molta musica. Abbiamo anche fatto musica elettronica per molto tempo, che ora è anche pubblicata dalla Gondwana Records con il nome di Sunda Arc.

Jesse studia anche tabla con il suo guru a Londra, e condividiamo anche molta musica Hindustani. Quindi ci sono molte diverse influenze nella nostra vita musicale.chi sono i mammal hands

Penso che il suono delle band si sia sviluppato in modo molto naturale e non forzato.

La nostra scrittura coinvolge sempre noi tre in una stanza, suonando e discutendo, dopodiché portiamo idee in studio.

Di solito lasciamo una certa quantità di spazio per la libertà e l’improvvisazione, e quindi abbiamo altre tracce che sono completamente composte. In questo modo non lo pensiamo nemmeno come un genere qualsiasi.

Cerchiamo di tenere l’ego completamente fuori dal processo di composizione ed esecuzione. Per noi è proprio quello che viene fuori dalla nostra chimica come band. Spero che continuerà a cambiare man mano che cresciamo insieme negli anni a venire.

Nel 2018, avete suonato al Montreaux Jazz Festival. C’è un ricordo speciale di quella serata che vuoi raccontarci?

Ad essere sincero, il mio ricordo di quel giorno è stato di essere leggermente sopraffatto prima del concerto. Era uno dei nostri concerti più importanti fino a quel momento, ma eravamo anche molto stanchi e sotto effetto del jet lag (ride, ndr).

Penso che siamo stati tutti benissimo, abbiamo esplorato il festival e visto / incontrato alcuni dei nostri idoli.

Quando è arrivato il momento dello spettacolo, penso, in particolare nella seconda metà, ci siamo semplicemente lasciati andare.

Ricordo di aver finito con una versione di Tiny Crumb ed è stato davvero catartico. Anche la folla era adorabile e molto ricettiva.

Quali sono i cinque dischi che per te hanno un significato importante e perché?

Questa è una domanda difficile, quindi cercherò di rispondere senza pensarci troppo.

Alcuni dischi a cui continuo a tornare al momento sono:

Lau – The Bell that Never Rang

Questo ha alcuni approcci meravigliosi e sperimentali al songwriting e alla struttura e penso che sia un capolavoro.

Thom Yorke – The Eraser

Questo ha attraversato i confini tra i generi in un modo straordinario e ogni singola canzone mi ha colpito.

Elliott Smith – Either/Or

Il suo modo di scrivere canzoni è davvero bello e straziante, ma anche molto armoniosamente complesso e audace, ma si può sempre dire che è lui immediatamente, penso che questo album sia uno con alcune delle sue migliori canzoni.

Jon Hopkins – Immunity

Questo album ha davvero aperto la strada alla musica elettronica moderna in molti modi, ed è anche un incredibile ascolto end to end, che sembra essere qualcosa a cui la gente pensa sempre meno nell’età dei singoli.

Eric Dolphy – Live in Copenhagen 1973

Questa è una scoperta recente, ma non riesco a smettere di riascoltarlo, in particolare la versione per clarinetto solista di God Bless the Child.

Bella esplorazione di una struttura e melodia di canzoni in un modo completamente unico.

Intervista a cura di Corrado Parlati

A Jordan Smart va un sentito ringraziamento da parte della redazione di MentiSommerse.it

Corrado Parlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *