Forme ibride, chiostri illuminati e strade palcoscenico: così riparte la Milano dei teatri

Forme ibride, chiostri illuminati e strade palcoscenico: così riparte la Milano dei teatri

A teatri chiusi non è facile parlare di teatro. Ci abbiamo provato lo stesso, cercando di raccontare come gli spettacoli (da Gli Innamorati di Goldoni a Odyssey di Bob Wilson) si siano riadattati alle esigenze di un paese in piena pandemia, ma tutte le proposte, per quanto valide e ben fatte, si dichiaravano autonomamente come innaturali. I teatri sono luoghi, non spazi: hanno bisogno delle persone e delle relazioni. Per questo la via dello streaming, unica possibilità per questi mesi, rimane un’alternativa temporanea e non del tutto soddisfacente. Nega la fisicità e la tridimensionalità dello spettacolo, quell’hic et nunc che rende ogni serata diversa per ogni singolo spettatore. Nega la specificità del teatro che ora deve essere riacquisita.

È arrivato il momento di ripartire. Le modalità sono ovviamente diverse, i luoghi spesso insoliti e i numeri per forza ristretti. Ma giorno per giorno anche i teatri cercano di riappropriarsi della loro normalità.

I teatri aperti a Milano

La Milano frenetica e instancabile è ormai solo un ricordo. Anche il capoluogo lombardo si è dovuto allineare al nuovo tempo dettato dal Covid-19 e con lui i suoi teatri. Chi sceglie di riaprire con la stagione estiva sfrutta in particolare i luoghi all’aperto.

Piccolo Teatro

Il Piccolo Teatro allestisce il chiostro Nina Vinchi, nella sede di via Rovello, per una serie di spettacoli che vedono comparire in scena tra gli altri Massimo Popolizio, Michele Serra, Lella Costa ed Enrico Bonavera, l’Arlecchino del Piccolo che trova il modo di calcare il suo palco anche quest’anno, non con il testo goldoniano del Servitore di due padroni ma con un monologo scritto dallo stesso Bonavera, su un Arlecchino diavolo uscito dall’inferno e finito a fare l’attore. Iniziata il 16 giugno, la stagione estiva terminerà il 20 settembre e affianca al chiostro luoghi sparsi nei diversi municipi di Milano.

Teatro Franco Parenti

Il Teatro Franco Parenti si organizza per la riapertura nella propria sala, nella quale andrà in scena tra gli altri Elio Germ

foto di Michele De Lucchi

ano con uno dei primi esperimenti mondiali di teatro in realtà vi

rtuale grazie a occhiali immersivi e cuffie per il pubblico, e nella location adiacente dei Bagni Misteriosi dove lo spettacolo di apertura Stasera si può entrare, fuori. 2 divide il pubblico in piccoli gruppi e lo fa entrare in contatto con un mondo che ritorna lentamente alla vita: le creature del teatro ritrovano le persone dopo la lunga assenza e portano storie e riflessioni su quanto è mancato in questi mesi e quanto occorre per ricostruire il futuro.

Triennale

Riapre anche la Triennale che ha stilato per il suo giardino un denso programma fino a settembre tra incontri, arte, cinema all’aperto (in collaborazione con AriAnteo) e teatro. Per riportare gli spettacoli dal vivo davanti agli spettatori, è stato scelto il MotoTeatro del teatro Oscar deSidera: su un’ape che si muove per le vie di Milano, dal giardino della Triennale ai chiostri di Sant’Eustorgio, gli attori raggiungono gli spettatori fuori dal loro habitat naturale fatto di poltroncine e sipari. Se la gente non va a teatro, il teatro va dalla gente.

Estate Sforzesca

Un altro palco insolito è quello dell’Estate Sforzesca, su un palco allestito all’interno del Castello  per promuovere la cultura, la musica e le rappresentazioni dal vivo. Gli appuntamenti di luglio? Si va Tullio Solenghi e Massimo Lopez, a Game of Sforza (sui 50 anni della signoria padrona della città), fino a Pirandello. Ma non solo: sul palco del cortile delle armi concerti e letture durante tutta l’estate per recuperare i tanti appuntamenti persi a causa del lock-down.

Le possibilità di scelta sono numerose: si torna a essere spettatori dal vivo e non più dal divano. Con il peggio che sembra essere alle spalle ma tutte le cautele per la sicurezza di ciascuno, adesso sì che Milano non si ferma.

Cecilia Burattin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *