Da Caserta a Berlino, fino al nuovo singolo “Non lo farei mai”: MasaMasa si racconta [ESCLUSIVA]

Da Caserta a Berlino, fino al nuovo singolo “Non lo farei mai”: MasaMasa si racconta [ESCLUSIVA]

Federico De Nicola, in arte MasaMasa, musicista casertano con un trascorso a Berlino, ha oggi rilasciato “Non lo farei mai”.

Il singolo anticipa l’album di inediti, in programma per la fine dell’anno.

Per presentare il nuovo singolo (disponibile qui su Spotify) e parlare delle sue principali influenze musicali, noi di MentiSommerse abbiamo scambiato due chiacchiere con lui.

MasaMasa, l’intervista

MasaMasa intervistaChi è MasaMasa e come si è avvicinato al mondo della musica?

Sono un bravo ragazzo di Caserta e faccio parte di una boyband che si chiama Sei La Mia Vita. Mi sono avvicinato alla musica perché mio padre suonava e avevo tanti strumenti in casa, è stato naturale.

“Non lo farei mai” è il titolo del tuo nuovo singolo. Com’è nata questa canzone?

Simoo, che è producer di tutti i miei brani, dormiva sul divano di casa mia a Milano dopo una giornata estenuante, c’era un silenzio assurdo e io avevo questi accordi che andavano a loop.

L’ho cantata one-take sulle note del telefono ed è rimasta lì per quasi due anni. Poi un pomeriggio ero a casa di Maiole e in 5 minuti avevamo strutturato il brano nella versione che senti adesso. Ho mandato tutto a simoo e gli ha dato quel tocco in più.

Sei stato giro per l’Italia partecipando ai festival estivi più importanti come Mi Ami Festival, Home Festival, Rock in Roma, Woodoo Fest, Noisy Naples Fest e Eleva Festival. C’è un’esperienza in particolare della tua esperienza live che vuoi raccontare ai nostri lettori?

Le cose positive sono spesse volte molto scontate, te ne lascio una negativa. Non mi ricordo a quale data eravamo ma un ragazzo mi ha fermato fuori al locale dicendo che non era riuscito a trovare il biglietto ma ci teneva comunque a salutarmi, l’ho accreditato per la serata.

Il giorno dopo mi hanno girato uno screen su un gruppo facebook dove lo stesso ragazzo scriveva che nemmeno mi conosceva ma era riuscito a scavallare l’ingresso, ci sono rimasto malissimo. Bad things happen.

Sei nato a Caserta, poi hai deciso di trasferirti a Berlino. Quanto ha inciso questo cambiamento sul tuo modo di fare musica?

Sarò sempre grato a Berlino per aver aperto tantissimo la mia creatività. Prima ero abituato a strumenti acustici ma dopo il trasloco ho capito davvero il valore dei sintetizzatori e della musica elettronica.

Quali sono i cinque dischi (o artisti, se preferisci) che hanno principalmente influenzato la tua formazione artistica e umana?

Pino Daniele – Che Dio Ti Benedica;
Pino Daniele – Pino Daniele;
Pino Daniele – Vai Mo;
Pino Daniele – Terra Mia;
Pino Daniele – Bella Mbriana

Progetti futuri di Masamasa?

Rendere Sei La Mia Vita la boyband più figa di sempre.

Corrado Parlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *