Enzo Avitabile incontra gli studenti del Rossini nell’ambito del progetto “Storie non frontali, il racconto dei racconti”

Enzo Avitabile incontra gli studenti del Rossini nell’ambito del progetto “Storie non frontali, il racconto dei racconti”

Storie non frontali, il racconto dei racconti è un progetto dell’Ipseoa Rossini, in collaborazione con l’istituto Casanova e con l’associazione Matematici per la città, che propone agli studenti partenopei un percorso alla scoperta di tre storie significative della cosiddetta città non frontaleEnzo AvitabileGiancarlo Siani e Gaetano Di Vaio.

 

Protagonista del primo racconto del progetto è stato il compositore di Marianella, che ha ispirato anche il titolo dell’iniziativa. Il racconto  è cominciato nei giorni scorsi, con la proiezione al cinema La Perla del docufilm di Johnatan Demme (Enzo Avitabile: Music Life) sulla vita dell’artista napoletano, per 200 studenti  dell’istituto di Bagnoli. La proiezione è stata seguita da un laboratorio che si è svolto all’interno del cinema e che ha portato i ragazzi a scegliere due canzoni da approfondire in seguito: “A’ verità” e “Mane e mane”. Nelle varie classi i docenti hanno proseguito il lavoro di ascolto e approfondimenti dei brani di Enzo Avitabile, selezionando 50 ragazzi, che hanno successivamente partecipato a laboratori sulla lingua napoletana, a cura di Davide Brandi, a partire dai testi delle canzoni di Avitabile.

In seguito, gli studenti si sono recati, accompagnati da docenti, a scoprire il murale dedicato ad Avitabile nei pressi della stazione della metro e successivamente al conservatorio di San Pietro a Majella. Qui hanno incontrato il figlio del maestro Steiano (maestro di Avitabile) e il cameraman napoletano del film di Demme. Sempre al conservatorio, ascoltando la musica di Enzo, i ragazzi hanno dipinto un telo che è stato consegnato ad Enzo Avitabile in occasione dell’incontro di giovedì 21 novembre all’Ipseoa Rossini con il giornalista e scrittore Gianni Valentino. All’incontro, oltre agli studenti del Rossini ha preso parte anche una classe (a indirizzo audio/video) del’istituto Casanova,  che si è occupata di documentare i diversi momenti del primo capitolo del progetto. Durante l’evento, oltre alle domande dei ragazzi al musicista, all’ascolto e l’analisi di alcuni brani scelti dagli stessi partecipanti all’incontro – “’A ‘ verità” con Rocco Hunt, “Potere 2” con Luchè, “La Malaeducazione” con Guè Pequeno – c’è stata anche una piccola esibizione di Enzo Avitabile. Accompagnato dal chitarrista Gianluigi Di Fenza, ha eseguito dal vivo con l’arpina, “Mane e mane” e “Tutt’ egual song’ ‘e criature”.

Nelle prossime settimane, tra dicembre e aprile, “Storie non frontali, il racconto dei racconti” proseguirà con le iniziative dedicate a Giancarlo Siani e a Gaetano Di Vaio.

wp_8265247

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *