Salif Keita: viaggio tra Mandela, Parigi e la Taranta [ESCLUSIVA]

Salif Keita: viaggio tra Mandela, Parigi e la Taranta [ESCLUSIVA]

Africa, Salento, Napoli: possono sembrare tre località distanti nel mondo, ma la musica le avvicina più di quanto si possa pensare. Salif Keita, la golden voice of Africa, è stato l’ospite d’onore internazionale della ventiduesima edizione della Notte della Taranta.

Discendente diretto dei fondatori dell’Impero del Mali, a causa del suo albinismo venne escluso dalla comunità, perchè per un Mandinka un albino è segno di sfortuna.

Di seguito, l’intervista che Salif Keita ha rilasciato in esclusiva ai microfoni di MentiSommerse.it.

SALIF KEITA, L’INTERVISTA ESCLUSIVA

Come si è avvicinato Salif Keita al mondo della musica?

In realtà, ero sempre solo e cantavo mentre mi occupavo del bestiame da ragazzo. È così che ho scoperto di avere una voce. La chitarra è arrivata molto più tardi. 
Ma negli ultimi 20 anni circa, ho scoperto che il mio modo di suonare la chitarra è la chiave del mio songwriting.
Negli anni ’80, ti sei trasferito a Parigi e hai rilasciato “Soro”. Quanto l’ha influenzata il trasferimento dal punto di vista musicale?

È stato un periodo molto emozionante a Parigi, quando la musica africana iniziava a essere proposta in modo serio al pubblico europeo.
Ho incontrato molti musicisti, ascoltato molta musica e questo mi ha ispirato moltissimo. Ma non ha influenzato o cambiato il mio stile di canto.
Nel 1988, ha suonato al “Nelson Mandela 70th Birthday Tribute concert”. C’è qualcosa che l’ha colpita principalmente di una personalità come quella del Madiba?

È stato un evento straordinario a cui partecipare. Per me, la lotta di Mandela per la liberazione del il suo popolo – a spese della sua stessa libertà personale – è stata davvero d’ispirazione. È stato un grande uomo e un grande modello per l’Africa.
Qualche giorno fa, ha celebrato il suo settantesimo compleanno sul palco della “Notte della Taranta”. Che esperienza è stata confrontarsi con la musica salentina e suonare con Enzo Avitabile?
La Notte Della Taranta è stata un’esperienza fantastica e sono molto grato di essere stato invitato. Ho trovato la musica salentina molto stimolante e con molte somiglianze con la musica africana – dopo tutto, siamo praticamente vicini di casa… 
Ho incontrato Enzo diverse volte prima e ho un enorme rispetto per lui come musicista e artista. Spero che avremo occasione di lavorare insieme su un progetto futuro.

“Un Autre Blanc” è il suo quattordicesimo album. Com’è nato questo disco?
Registrare un album è un processo che mi impegna molto. A 70 anni, ho sentito che avrei dovuto registrare un ultimo album, dato che avevo alcune nuove canzoni su cui stavo lavorando da un po ‘di tempo. 
Da un lato, volevo ringraziare alcune persone che mi hanno supportato durante la mia carriera e volevo anche registrare con amici intimi, musicalmente parlando, come Angelique Kidjo, Alpha Blondy e Ladysmith Black Mambazo in particolare.
Maggiori informazioni sull’album, i crediti ecc. sono disponibili qui.
Qual è l’opinione di Salif Keita riguardo la situazione attuale politica in Mali?
È una situazione molto delicata in questo momento in Mali. Prego ogni giorno che presto avremo un Mali pacifico e unito.
A Salif Keita e Chris Syren va un sentito ringraziamento da parte della redazione di MentiSommerse.it
Intervista a cura di Corrado Parlati

Corrado Parlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *