I Fiordalisi – La saggezza degli ubriachi

I Fiordalisi – La saggezza degli ubriachi

Il titolo della raccolta di Stefano Vitale, La saggezza degli ubriachi (La Vita Felice 2017), sembrerebbe alludere al celeberrimo motto latino “in vino veritas”, riprendendo l’idea, in apparenza ossimorica, per la quale è solo fuori da noi stessi, laddove il raziocinio estremo viene abbandonato e la prepotenza dell’incontrollabile fuoriesce, che è possibile scovare la verità o, di più, accedere alla vera conoscenza delle cose. I versi di Vitale sono in effetti attraversati da un continuo dualismo, che alle volte si fa contrapposizione, altre complementarità, tra luce e ombra, dove, per ognuno dei due elementi, è sempre incluso tutto l’universo semantico a essi riferibile; una raccolta, insomma, che si snoda tra apollineo e dionisiaco come per arrivare a una soluzione, se esiste, perché Vitale preferisce sospendere il giudizio limitandosi a sollevare la questione, a far vedere i fatti dell’uno e dell’altro modo di abbracciare il mondo. E lo fa con un versificare chiaro, lineare, nella metrica e nella scelta dei singoli vocaboli, così da fornire al lettore tutti gli strumenti per potersi muovere nella zona-ponte tra dentro e fuori, tra giorno e notte. Il merito di Vitale è quello di riuscire a investire di tale binomio, su cui l’intera opera si struttura, non solo la dimensione personale e privata del soggetto, ma anche quella dell’io dentro una società reale e concretamente rappresentata nei versi, dove lo sguardo va ad allargarsi.

Vitale, con bravura, conduce un’indagine misurata e lucida sull’inevitabilità del buio, trasponendo il contrasto alla base della raccolta in tutta la sua composizione, scavando in una direzione per far emergere ciò che si annida esattamente nella direzione contraria; un anelito di ricerca armonica e spasmodica, nonostante l’incedere calmo, è il punto di arrivo de La saggezza degli ubriachi, che termina, di certo non a caso, nei Moments musicaux in cui, con ben evidenzia Alfredo Rienzi nella prefazione, si assiste all’innesco musicale in cui si realizza l’osmosi
tra l’onda significante della parola e quella emozionale delle note, come a dire che è solo in qualcosa di molto grande, in cui sussistono rimandi profondi all’infinito, che può annidarsi un tentativo di equilibrio, uno spazio in cui il giorno e la notte possano abitarsi, insieme.

 

La saggezza degli ubriachi (La Vita Felice 2017)

 

 

Talvolta è un dettaglio
che sfugge dalle labbra
un pensiero sbilenco
che prende il largo
e ti costringe, maledetto,
a difendere il tuo errore.
Così stai al centro del ring
con gli occhi spalancati
ma dentro e fuori tutto è buio,
buio pesto.

 

Scegliere la posizione
della giusta distanza
senza mostrare torsioni o disperazione
dinanzi a chi ci serve pietanze avvelenate
evitare l’impatto e la possibile disfatta
è un’arte raffinata.
Non a tutti è dato saper mostrare cecità
diventare muro, insetto, foglia
e volgere gli occhi altrove.
Sempre ritorna l’ansia del combattimento,
il pensiero di andare oltre la soglia
sotto un cielo carico di tempesta
al passo con la dignità offesa
come gli eroi che non s’arrendono
e spendono la vita a raddrizzare
i quadri storti, a costruire il tempo
che nessuno ancora ci ha servito.

 

Ciondolano
come cani sotto la pioggia
presi dalla vertigine
nel bosco lunare della città
ipnotizzati dalla stravagante sensazione
del vivere e non pensare
nel rondò del camminare
tra il profumo umido dei portici
abitato da relitti d’umanità:
delitto dell’indifferenza o necessaria ingenuità?
Nel balletto di vascelli solitari
si chiude il cielo d’inverno
sui passanti stizziti
per lo sciabordio dei bus.

 

La finestra sul terrazzo
è aperta sul teatro
di rose e gelsomini
trionfo innocente dell’allegria
di questa inquieta primavera
tremolante e timida carezza
sull’acero rosso di ruggine e di fuoco
sulla fiera idrangea ancora da fiorire
sulle pallide piccole mele
sulle tenere timide ortensie.
Il profumo del rosmarino
è un vortice di luce e mare
che protegge i piccoli bossi
accucciati ai suoi piedi:
il resto è verde in ogni possibile
sfumatura che avvolge l’aria
e ferma il tempo nell’istante
d’un eterno ritorno
forma dell’Essere
incomprensibile e chiarissima
Natura.

 

Il Finale è una porta aperta
sul riposo della dominante
equilibrio raggiunto, ma precario
del silenzio che scalda i germogli
nel piccolo vaso di orchidee rosa
che portiamo in viaggio.
Verso la foce o verso la sorgente?
Questo non lo sappiamo,
così restiamo sulla via a ricontare i passi
del nostro incerto andare.

(Johannes Brahms, Klavierstücke, Op. 119; Franz Schubert, Sonata
per pianoforte n. 23 in Si bemolle maggiore, D. 960)

 

Stefano Vitale (Palermo- 1958), vive e lavora a Torino. Nel 2003 ha pubblicato (con Bertrand Chavaroche e Andy Kraft) la plaquette Double Face (Ed. Palais d’Hiver, Gradingnan, Francia, nel 2005 Viaggio in Sicilia (Libro Italiano, Ragusa), Semplici Esseri (Manni Editore, Lecce). Per le Edizione Joker ha pubblicato Le stagioni dell’istante (Prefazione di Mauro Ferrari, 2005) e La traversata della notte (Prefazione di Giorgio Luzzi – 2007). Nel 2012 ha pubblicato Il retro delle cose (Premio “Va pensiero , Soragna – 2018; secondo premio “Alda Merini- 2019) presso le edizioni Puntoacapo (Prefazione di Gabriella Sica); nel 2013 per PaolaGribaudoEditore la raccolta di poesie “Angeli” (con illustrazioni di Albertina Bollati) che ha dato vita ad uno spettacolo di teatro-danza andato in scena al Teatro Astra di Torino il 12 maggio 2014. Nel 2015 ha curato (con Maria Antonietta Maccioccu) la raccolta di poesie “Mal’amore no” edito da Se Non Ora Quando. Nel 2016 ha partecipato alla mostra del pittore Ezio Gribaudo “La figura a nudo” con una plaquette di 24 poesie pubblicate in mostra e sul catalogo. Nel 2017 ha pubblicato presso l’editore “La Vita Felice” la raccolta “La saggezza degli ubriachi” (finalista Premio “Poetika” 2018 – Primo premio “Città di Moncalieri (2018); Primo Premio “I Fiori sull’acqua”, Imola (2018); menzione Premio “Città di Galatone” (2018); menzione “I silenzi del mare/Isola d’Elba (2019); Primo Premio “Aulla, Città della rosa” (2019); finalista al Premio ToInedito con la nuova raccolta “Lo stato dell’arte” che ha già ricevuto premi e segnalazioni. Sue poesie sono pubblicate in riviste (Gradiva, La Clessidra, Cenobio, Punto. Almanacco di Poesia), blog (Atelier, Pioggia obliqua, Poetydream, YAWP Giornale di Letteratura e Filosofia, Poesia del nostro tempo, Flavio Almerighi Blog, Italian Poetry, Perigeon, Poetarum Silva, Sinestesie, Puntocritico2 ) e antologie (tra cui ricordiamo “Poesia in Piemonte e Valle d’Aosta “ (2012) e “Il Fiore della poesia” (2016) entrambe da “Puntoacapo” edizione. Sue poesie sono tradotte in inglese sul “Journal of Italian Translation” (2019) e sul sito Italian Poetry (2018). E’ presente sull’”Atlante dei poeti” del portale Griseldaonline e sul sito “Italian Poetry”. Hanno scritto sulla sua poesia, tra gli altri, Chiara Fenoglio, Gabriella Sica, Giorgio Luzzi, Alfredo Rienzi, Luca Benassi, Alessandra Paganardi, Mauro Ferrari, Dario Capello, Anna Maria Curci, Gianpiero Casagrande, Sebastiano Aglieco, Pierangela Rossi, Antonio Spagnuolo, Fabrizio Bregoli, Franco Pappalardo La Rosa, Rita Pacilio, Giancarlo Baroni, Carlo Prosperi, Filippo Ravizza, Lucetta Frisa, Massimo Morasso. Collabora con mondo della scuola e le biblioteche per la conduzione di laboratori e corsi di lettura, scrittura creativa e ricerca poetica, oltre che con il Circolo dei Lettori di Torino per la promozione e presentazione di libri. Appassionato di musica, ha collaborato con l’Accademia di Musica di Pinerolo e l’associazione Amici dell’Orchestra Sinfonica della Rai di cui cura il programma di eventi ed iniziative. Giornalista pubblicista, ha collaborato con L’Indice e curato su www.ecolenet.it la rubrica “Anni verdi” dedicata alla letteratura per l’infanzia. Oggi sul www.ilgiornalaccio.net cura le rubriche critiche dei libri di letteratura e poesia (Oggetti Smarriti.).

 

Alessandra Corbetta
(guarda anche l’uscita precedente)

Alessandra Corbetta

Alessandra Corbetta è nata a Erba il 4 dicembre 1988. È dottore di ricerca in Sociologia della Comunicazione e dei Media e, in Social Media Communication, ha conseguito anche un master; è stata responsabile web e Social Media Director de La Casa della Poesia di Como, per la quale ha creato anche il sito www.lacasadellapoesiadicomo.com e con la quale ha collaborato come Content Writer e nell’organizzazione di reading ed eventi poetici, tra cui il Festival Europa in Versi. Ha scritto per la rivista culturale Alfabeta2. Per Flower-ed ha pubblicato la monografia poetica “L’amore non ha via” e per Silele Edizioni il romanzo “Oltre Enrico (Cronistoria di un Amore sul finale)”. Scrive di poesia e cultura per il blog Tanti Pensieri e di New Media e società per il giornale online Gli Stati Generali e per il Progressoline. Per il blog Menti Sommerse dirige la rubrica poetica “I Fiordalisi”. Ha vinto e ricevuto segnalazioni di merito a diversi concorsi poetici, tra cui il premio della critica a “Ossi di seppia”. Per Lieto Colle è uscita nel 2017 la raccolta di poesie “Essere gli altri”.Tutta la sua attività scientifica e poetica è disponibile sul sito web http://www.alessandracorbetta.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *