Salone Off 2019: la festa della cultura nei quartieri e nella Città Metropolitana

Salone Off 2019: la festa della cultura nei quartieri e nella Città Metropolitana

Si è tenuta oggi la presentazione della 16° edizione del Salone Off, la rassegna in programma dal 2 al 19 maggio, con oltre 530 appuntamenti in oltre 270 luoghi.

Il programma del Salone Off, presentato da Silvio Viale, presidente dell’Associazione Torino la Città del Libro; Giulio Biino, presidente della Fondazione Circolo dei lettori; Nicola Lagioia, direttore editoriale del Salone Internazionale del Libro e con i saluti istituzionali dell’Assessora alla Cultura della Città di Torino, è stato illustrato nel dettaglio daMarco Pautasso, coordinatore della rassegna.

 

Entrando in dialogo con il tema del Salone Internazionale del Libro di Torino, Il gioco del mondo, il Salone Off “giocherà” con tutta la città, una Torino senza confini, forte della variegata mescolanza delle culture che la abitano, in cui gli spazi urbani del centro e della periferia diventeranno luoghi elettivi della riflessione e dell’incontro.

 

Il Salone Off porta libri e autori nelle 8 Circoscrizioni di Torino e in una ventina di Comuni della Città Metropolitana, proponendo incontri, reading, spettacoli di danza e teatrali, concerti, proiezioni di film e documentari, dialoghi tra scrittori e studenti nelle scuole, tra autori e detenuti nelle carceri, e ancora letture negli ospedali.

 

In programma seminari e dibattiti, mostre, degustazioni, laboratori per bambini, tour alla scoperta delle periferie e molto altro. Infatti l’iniziativa coinvolgerà i luoghi della cultura come biblioteche, librerie, teatri, gallerie, case del quartiere, circoli locali, e trasformerà gli altri in laboratori di discussione, regalando nuova vita agli spazi, tra ex fabbriche, ospedali, esercizi commerciali, botteghe, cimiteri e stazioni della metropolitana. Ma anche strade, piazze, parchi, orti e giardini diventeranno occasioni inedite di incontro con la cultura, aperta e inclusiva.

Cristiano Corbo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *