Categorie
Arte Attualità

Brucia ma resiste: Notre-Dame, vero simbolo dell’arte

Il fuoco alla cattedrale di Notre-Dame è stato spento, ma il dolore brucia ancora. È forse banale dirlo, certo, ma la verità è che soltanto in momenti drammatici come quelli vissuti lunedì sera ci accorgiamo di quanto tutti noi, in un modo o nell’altro, ci sentiamo legati a luoghi iconici come la cattedrale parigina.

Notre-Dame è uno di quei pochi monumenti al mondo capaci di unire milioni di persone: a soffrire mentre le fiamme squarciavano il cielo di Parigi non erano solo i fedeli cristiani o gli appassionati di storia dell’arte. No, Notre-Dame è un simbolo, un punto di incontro per molta più gente: per i parigini ovviamente, per i francesi, ma più in generale per tutti gli europei, probabilmente per i cittadini di tutto il mondo.

L’incendio di lunedì ci ha ricordato in modo violento e doloroso che l’arte, in tutte le sue forme, è la traccia più evidente del nostro passaggio su questo pianeta, racconta la nostra storia meglio di ogni libro. Notre-Dame, poi, con la sua imponenza architettonica e la sua storia quasi millenaria, è forse uno dei simboli più potenti in questo senso.

Verso le 21 di lunedì, l’ipotesi che la cattedrale potesse crollare e scomparire del tutto ha iniziato a farsi sempre più concreta. Se già il collasso della guglia, la famosa Flèche, aveva lasciato tutti scioccati e senza parole, la sola idea di vedere le due iconiche torri ridotte ad un ammasso di pietre era un pensiero drammatico. Vedere oggi le torri ancora al loro posto, imponenti e fiere, pur segnate dalla sofferenza di 12 ore di fiamme, fa tirare un sospiro di sollievo a tutti, nonostante i gravi danni al resto della struttura.

Avremmo perso un simbolo. Tutti, non solo francesi e parigini. Avremmo perso un enorme pezzo di storia. Non solo di storia francese o europea, non solo di storia dell’arte o dell’architettura: un pezzo di storia dell’uomo. Di tutto ciò che raccontano le pagine della storia, solo l’arte lascia qualcosa da poter concretamente toccare, vedere o ascoltare; delle battaglie e delle guerre resta solo polvere. L’arte ci ha lasciato Notre-Dame de Paris. L’arte ci ha lasciato la Gioconda di Leonardo, il David di Michelangelo, l’Odissea di Omero, Fino all’ultimo respiro di Godard o Bohemian Rhapsody dei Queen.

Lunedì è stato come se bruciasse un braccio del David, o una strofa di Freddie Mercury. Senza l’arte ci mancherebbero dei punti di riferimento fondamentali che i nostri antenati hanno lasciato affinché fossero una testimonianza indelebile del nostro passaggio sulla terra, lasciandoci il delicato e difficile compito di difenderli, di preservarli, di dare loro il giusto risalto.

I vigili del fuoco parigini lunedì ci sono riusciti, limitando danni che avrebbero potuto essere molto più estesi. Ora toccherà ad altri far sì che la struttura resti stabile e ad altri ancora provare a ridare lo splendore che si merita a questo monumento. Perché in fondo, anche nella tragedia, Notre-Dame rappresenta perfettamente l’arte: è sopravvissuta a secoli interi, numerosissime guerre, e ora anche ad un incendio devastante. Ma c’è ancora. E prima o poi, ce lo ricorderanno anche i rintocchi delle sue campane.

Alessandro Bazzanella

Di Alessandro Bazzanella

Studente, sognatore, appassionato di comunicazione a tutti i livelli. Con una parlantina difficile da domare, per buona pace di chi mi ascolta. Ah, ho una passione al limite del preoccupante per il calcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *