ESCLUSIVA – Jack Gallo: ”Il cinema è vita e la mia vita è il cinema”

ESCLUSIVA – Jack Gallo: ”Il cinema è vita e la mia vita è il cinema”

Jack Gallo è come me lo ricordavo: una vera e propria forza della natura, un uragano inarrestabile. Come Taz, il Diavolo della Tasmania, arriva e ti travolge con la sua risata contagiosa e la sua esplosiva loquacità.

Mi dice di essere felice perché sta provando tante esperienze nuove, da un punto di vista artistico, in settori dello spettacolo che erano per lui ancora inesplorati.

È la classica persona che ti rende partecipe della sua vita nell’arco di venti minuti. La sua anima meridionale (è nato in Calabria N.d.R.) si manifesta in pieno nell’essere così generoso a donarsi agli altri, senza remore o paletti.

Ciao Jack, è un piacere riaverti ai nostri microfoni. In questi due anni sono successe tante belle cose da un punto di vista artistico vero? In primis, ti abbiamo visto nel videoclip de “Il nostro amore perfetto” di Alessandro Canino. Cosa puoi raccontarci di questa esperienza?

È un piacere tutto mio! Sì, è stato un periodo davvero fruttuoso: ho girato due videoclip di Zucchero (“Ci si arrende” e “Partigiano reggiano” N.d.R.) e di tanti altri bravi artisti. Ne “Il nostro amore perfetto” sono coinvolto in una scena che mi piace molto: incrocio lo sguardo di Alessandro, come se fossi la sua coscienza che gli sta dando dei consigli. Alessandro Canino aveva appena terminato la prima stagione di “Ora o mai più”, il video ha avuto un bel successo.

È stata una bella esperienza, anche perché amo tantissimo confrontarmi con la musica.

Parlando di videoclip, sei anche il protagonista di Compagni di sbronze di Tiziano Bak Bacarani, al quale so che sei legato da un bel rapporto lavorativo e di amicizia

Stimo molto Tiziano sia come amico sia come artista. Quando due forme d’arte come il cinema e la musica si confrontano e interagiscono, i risultati sono sempre interessanti e sorprendenti. Nel videoclip interpreto un ragazzo che ama giocare a biliardo. È un po’ sbruffone e decide di sfidare una bella ragazza, con risultati inaspettati…

Nel 2019 Jack Gallo torna al cinema e lo fa con grande stile …

Il cinema è vita e la mia vita è il cinema. Quest’anno ritornerò nelle sale cinematografiche grazie al film “Bastard karma 2” di Vitor Deda. Una storia molto intricata e dura che affronta il tema della mafia albanese. Uscirà nei prossimi mesi in Albania, Kosovo e Macedonia. Il mio ruolo è quello di un poliziotto.

Mi entusiasma l’idea di aver preso parte a un lungometraggio che avrà una distribuzione al di fuori dei confini italiani, come mi è già successo in precedenza, con l’horror antologico “The Pyramid”, che ha avuto molto successo in Giappone. 

Una carriera lunga e fruttuosa. Dopo tanti anni e tanto lavoro, recitare ti emoziona allo stesso modo?

(Si illumina) Scherzi? Mi emoziona tantissimo. È un lavoro che affronto con infinito amore e lo vivo come se fosse sempre la prima volta.

 

Jack 2

Jack Gallo e l’editoria: so che hai prestato il tuo volto e la tua immagine alle copertine di due nuovi libri…

Mettere a disposizione la mia immagine per un progetto culturale è stato un qualcosa, per me, di completamente nuovo. Sono apparso sulla copertina di “Spalla@Spalla – Le (dis)avventure di Carlo e Luana” di Christian Coduto della Milena edizioni. Interpreto il ruolo di Cristiano, un rivenditore di cd che odia … i cd! Vedi? La musica è un elemento ricorrente nella mia vita.

Per quanto riguarda il secondo libro, non posso ancora dire molto perché è un work in progress, al momento. Posso solo dirti che, per entrambe le esperienze, è stato divertentissimo rivestire i panni di personaggi così ben caratterizzati e molto diversi da me. Un lavoro sicuramente stimolante.

So che spesso sei ospite radiofonico. Ti diverte l’ambiente della radio? Se proponessero a Jack Gallo di condurre un programma radiofonico, accetterebbe?

Penso che l’ambiente musicale sia nel mio DNA artistico; la mia prima esperienza nel mondo dello spettacolo è stata una partecipazione nel videoclip di “Come mai” degli 883 e Fiorello. Come ho già detto, la musica mi piace moltissimo. Condurre un programma radiofonico sarebbe una cosa molto divertente: ti permette di lavorare a contatto con gli utenti in maniera continua e sempre diversa.

Puoi improvvisare, metterci qualcosa di tuo, adattarti ai cambiamenti di ritmo, modificare i toni. È un banco di prova che richiede esperienza e tanta abilità.

I prossimi progetti in cantiere di Jack Gallo?

A breve inizieranno le riprese di “Una Luce Nel Muro Dell’Oscurità” di Tony Paganelli. Un cortometraggio volto al sociale. La location che è stata scelta è il Comune di Maglie, in provincia di Lecce. Nel cast tanti bravi professionisti e una partecipazione speciale del grande Corrado Solari.

Salutiamoci con un proverbio che ami particolarmente o con una frase che reputi adatta a te.

La frase che mi descrive al meglio come attore e come uomo è di Oscar Wilde, grande scrittore e genio assoluto: “Al mondo esiste una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di sé.”

 

 

Intervista a cura di Christian Coduto

Christian Coduto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *