Quattro imperdibili performance di Ligabue all’Ariston (più bonus)

Quattro imperdibili performance di Ligabue all’Ariston (più bonus)

“Mia madre che prepara la cena cantando Sanremo, carezza la testa a mio padre e gli dice ‘vedrai, che ce la faremo”

Queste parole tratte da “Per sempre”, brano contenuto in “Mondovisione”, Ligabue ha espresso al meglio quello che rappresenta Sanremo per la cultura italiana. Si, perchè tutti cantano Sanremo.

In attesa di vederlo sul palco dell’Ariston dopo un lungo anno di silenzio, abbiamo scelto per voi quattro performance indimenticabili che hanno visto Ligabue protagonista al Teatro Ariston, dove ha ricevuto tre volte il “Premio Tenco” ed ha aperto l’edizione del 2014 del Festival della Canzone Italiana.

Premio Tenco 1992 – Variazioni sui temi

Un omaggio al cantautore russo Vladimir Vysockij, e anche l’occasione per vedere Ligabue con un pizzetto raramente esibito in pubblico.

Premio Tenco 2000, “Ho ancora la forza”, Luciano Ligabue e Francesco Guccini

Dopo aver vinto il premio per la miglior canzone nel 1996 con “Certe notti”, Luciano fa il bis con “Ho ancora la forza”, nel 2000, scritta a quattro mani con Francesco Guccini.

Qui, invece, il video di “Una vita da mediano” eseguita con il Maestro Mauro Pagani

Premio Tenco 2011 – “Quando mi vieni a prendere?”

Con “Arrivederci, Mostro! In acustico”, Ligabue si aggiudica il Premio Tenco nel 2011.

Il premio a Ligabue intende sottolineare un percorso artistico che è arrivato a milioni di persone sposando un impatto rock con una grande attenzione ai testi. Un percorso improntato alla qualità della proposta, come attesta per esempio la bellissima versione acustica dell’album “Arrivederci, Mostro!”, in cui il cantautore emiliano ha da solo arrangiato, prodotto e suonato tutti gli strumenti per le stesse canzoni contenute nell’album ufficiale”.

Di quella serata, proponiamo “Quando mi vieni a prendere?”, una delle tracce più belle dell’intero album.

E se volete, potete ascoltare anche “Il peso della valigia“, “Tacabanda“,

Sanremo 2014 – “Creuza de ma”

A trent’anni dall’uscita del capolavoro firmato Fabrizio De Andrè, Luciano Ligabue rende omaggio al capolavoro di Faber cantando “Creuza de ma”, aprendo così il Festival del 2014.

Leggi anche: Sanremo, la quarta serata: Liga accende lo spettacolo, Bertè – Grandi lo completano

Foto di Ray Tarantino

wp_8265247

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *