I Fiordalisi – Thra sipali e sònnura/ Tra rovi e sogni

Alfredo Panetta, nella sua ultima produzione poetica Thra sipali e sònnura/Tra rovi e sogni (Puntoacapo Editrice 2018), compie un lavoro straordinario e oggettivamente riconoscibile di sradicamento del dialetto calabrese della Locride, senza perdita di identità ma, al contrario con rafforzamento dell’universo semantico e ideologico a esso riferito. Panetta, in altre parole, continuando a scrivere nel suo dialetto originario delle cose che accadono in quella terra, innalza a tal punto la territorialità da distruggerla e farla diventare universalmente considerabile e comprensibile. Merito grandissimo, questo, sintomatico di una scrittura ragionata, esperta e consapevole che non perde, in nessun passaggio, la sua carica emozionale ed emotiva, favorita anche da quel verismo versificatorio distintivo da tempo dell’autore.

Tra rovi e sogni sospende l’esercizio di valutazione tra il reale, di cui la natura si fa portavoce, e l’immateriale, animato locus in cui riprendono vita i defunti, i pensieri, i ricordi e dove il materiale esplica il suo senso profondo. Il dualismo, evidenziato anche da Manuel Cohen nella prefazione alla raccolta, non fa però da separè discriminatorio tra un più e un meno vero, poiché con questa distinzione Panetta sposta lo sguardo sull’altrove, allargando il campo visivo e regalando al lettore gli occhi del poeta.

Una raccolta pregevolissima che, nello spessore della scelta dialettale, tocca picchi di intensità e valore poetico che prepotentemente travalicano qualsiasi confine, territoriale e linguistico.

 

Thra sipali e sònnura, (Puntoacapo Editrice 2018)

 

Catini

Oji l’arria chi rispiri addura ‘i catini.

 

Catini nirghi, d’acqua arruggiata

chi si ncugnanu ‘i notti int’a lanzola

catini muti ‘i doluri chi moticannu

si mpilanu ‘i notti dintra è sònnura.

 

Catini d’ossa ‘i puorcu fatti a menzini

e janchi com’a morti, stressati e

malicrisciuti…porceji chi cuntanu

l’ingannu ‘i nesciri porceji nta na zala.

Catini ‘i carni maciullata

chi ‘u fetu mpedisci ad ogni omu

a ducezza…vaju u si faci futtiri

l’istintu ‘i toccari carni moja

e di basari! c’a lupa ‘u temphu

chi vivimu ndi suca nnanzi ad iju

comun a sirena chi disija masculi.

 

Paganu sempi ‘i mathri

mbarzamati a’ porta comu cervi

di gucceria, mathri catini

thrummentati ‘i nu sgravu jutu a mali

beji ttaccati a’ vita pè sorta

fannu n’arrisu a d’a morti

mathri c’allattanu ‘u mali.

 

Catene

Oggi l’aria che respiro profuma di catene.

 

Catene buie, d’acqua arrugginita

s’annodano di sera tra i lenzuoli

catene colme di dolore

s’infilano di frodo dentro i sogni.

 

Catene d’ossa di maiali squartati

vessati, straziati, malnutriti

maiali che raccontano l’inganno

del nascere maiali in un grugnito.

Catene di carne macerata

il cui puzzo impedisce a ogni uomo

la dolcezza… vada a farsi fottere

l’umana voglia di toccare pelle

morbida e baciare! Vorace

il tempo che viviamo ci seduce

come una sirena avida di maschi.

 

Pagano sempre le madri

imbalsamate all’uscio come cerve

di macelleria, madri-catene

ossessionate da un parto andato a male

salde alla vita per sorte

fanno un sorriso alla morte

madri che allattano il male.

 

 

 

‘U banchettu

(A Immacolata)

A 8 chilomethri du mari

nc’esti ‘na rugha di campagna

aundi, oji, friddu autunnu 48

si faci festa. ‘A spusa teni

15 anni e menzu, 213 ‘a cerza

randi, e sutt’a sò umbra

‘i mbitati sbaffanu maccarruna

‘na dudicina ‘i crapetti ò sucu

e ‘u megghjiu Cirò di l’annata.

 

‘Nta zimba, a pochi metri

‘nto sò usu di parrari

‘i gajini cuntaminanu

du cumbitatu B, ‘na malachjianta

chi portà ‘a ‘ndranghita ò pajisi.

 

‘Nu cothrarazzu surgi ò cielu

‘u sò calici ‘i chjiumbu

e pigghjia ‘nta ll’ali ‘n prisdareju

chi non pè casu passava ‘i jà.

 

Doppu d’i thri, ‘a spusa arridi

p’a prima vota ò sò cavaleri.

Cusapi com’è u si dormi

a hjiancu a ‘n corpu di muscula e pili!

 

E ‘i sònnura ànnu ammata ‘u hjiarvu ‘i mucatu?

 

Ija non penzà ma’

e mancu s’ammagginà

ca ‘i menzu è hambi

nèscinu ‘i figghjioli.

 

Il banchetto

A 8 chilometri dal mare

c’è un borgo di campagna

dove oggi, rigido autunno ‘48

si fa festa. La sposa ha

15 anni e mezzo, 213 la quercia

grande, all’ombra della quale

i convitati sbafano maccheroni

una dozzina di capretti al sugo

e il miglior Cirò dell’annata.

 

Nell’aia, a pochi metri

nel loro tipico linguaggio

le galline sparlano

del convitato B, una malapianta

che ha portato la ‘ndrangheta in paese.

 

Un ragazzotto alza al cielo

il suo calice di piombo

e colpisce sulle ali un gheppio

che non a caso passava di lì.

 

Dopo le 3, la sposa sorride

per la prima volta al suo cavaliere.

Come sarà dormire

a fianco a un corpo di muscoli e di peli!

 

E i sogni avranno l’odore del bucato?

Lei non ha mai pensato

né ha osato immaginare

che dalle gambe

nascono i bambini.

 

 

Mani ‘nthrizzati

Caminavamu peji a peji, ricuordu

jendu a hjiancu è mura chi dduravanu

‘i terra ‘i pocu zzappata.

 

Ndi tenia cumpagnia

‘nu scuru fittu c’u tò arrisu

facia famigghjiari. Staciamu

bonu com’a ccu raggiunandu

non s’adduna ca staci mu vola.

 

Eu facia ‘u professuri modernu

tu ‘a prima d’a classi

ma d’i voti sputaamu a loggica

scangiandunci ‘i postu.

 

Nu juornu mi spijasti

se ntisi ma’adduri ‘i Ddi.

 

Ma’ fudi cusì ndecisu

u dugnu ‘na risposta. ‘I mani

tò, tandura, pigghjiaru

‘i mè e fìciaru l’amuri.

 

Mani intrecciate

Camminavamo pelle a pelle, ricordo

accostando muri che sapevano

di terra appena vangata.

 

Ci faceva compagnia

un buio fitto che il tuo sorriso

rendeva familiare. Stavamo

bene come chi dialogando

non si accorge di volare.

 

Io facevo il prof moderno

tu la prima della classe

ma talvolta sputavamo alla logica

invertendo i ruoli.

 

Un giorno mi chiedesti

se avessi mai sentito l’odore di Dio.

 

Mai fui così indeciso

a dare una risposta. Le tue mani

allora, presero

le mie e fecero l’amore.

 

Alfredo Panetta è nato nel 1962 a Locri (RC). Nel 1981 si trasferisce a Milano dove tuttora vive e lavora nel settore infissi in alluminio. Scrive nella lingua madre, il dialetto calabrese del basso ionico reggino. Suoi testi sono apparsi su varie riviste tra le quali Nuovi Argomenti, Tratti, Il Segnale, Capoverso, La Mosca di Milano, Gradiva, Atelier. Vincitore del premio «Montale Europa» per inediti nel 2004, con il suo primo libro, Petri ‘i limiti (Pietre di confine, Moretti&Vitali, 2005) si è aggiudicato i premi «Albino Pierro«, «Lanciano-Mario Sansone» e «Rhegium Julii». Nel 2011 è uscita la sua seconda raccolta Na folia nt’è falacchi (Un nido nel fango, CFR) vincitrice del premio «Pascoli». È del 2015 la sua ultima raccolta Diricati chi si movinu (Radici Mobili, La Vita Felice). Tra i concorsi vinti con poesie singole o con sillogi: i premi «Laurentum», «Lago Gerundo», «NoventaPascutto», «Guido Gozzano». È membro di giuria dei premi letterari «Città di Galbiate» (LC) e «Daniela Cairoli» (CO). In una scuola primaria di Lecco coordina un laboratorio di composizione poetica.

 

Alessandra Corbetta
(guarda anche l’uscita precedente)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *