MentiSommerse.it

L'arte ci rende immortali

Venezia 2018: tutti i candidati

Il prossimo mercoledì segna l’inizio dell’evento che –dopo Natale- attendo per tutto l’anno: il festival del cinema di Venezia.

La Mostra internazionale dell’arte cinematografica si inserisce nel più largo contesto della Biennale di Venezia, esposizione internazionale di arte contemporanea, e arriva quest’anno alla sua 75° edizione promettendo, come sempre fa, di rendere il Lido di Venezia il centro del mondo cinematografico per poco più di una settimana.

La cerimonia d’apertura di mercoledì 29 agosto sarà condotta da Michele Riondino (che continua la tradizione del madrino inaugurata lo scorso anno da Alessandro Borghi) dove verranno presentati tutti i film in concorso nelle diverse sezioni, oltre che le rispettive giurie (la “sezione ufficiale”, Orizzonti, Opera prima Luigi De Laurentiis e Venice Virtual Reality). Quest’anno la giuria della sezione ufficiale dei film in concorso sarà presieduta dal regista premio Oscar Guillermo Del Toro che lo scorso anno, proprio qui a Venezia, ha trionfato con la fortunata pellicola “La forma dell’acqua”, mentre tra i giurati figurano il regista Paolo Genovese, l’attrice Naomi Watts e l’attore Christoph Waltz. A Riondino il compito di presentare anche la cerimonia di chiusura dell’8 settembre, dove saranno annunciati tutti i vincitori.

Il film che avrà il compito di aprire il Festival sarà “Il primo uomo” (First Man) di Damien Chazelle (Whiplash, La La Land) con protagonista Ryan Gosling nei panni di Neil Armstrong, il primo uomo sulla Luna (qui il trailer). Seguiranno nei giorni successivi “The Mountain” di Rick Alverson con Jeff Goldblum; “Doubles vies” di Olivier Assays; “The Sisters Brothers” è un western europeo diretto da Jaques Audiard con Joaquin Phoenix (potete trovare il trailer qui); sbarcano a Venezia anche i fratelli Coen con “The Ballad of Buster Scruggs” con protagonisti James Franco e Liam Neeson; “Vox Lux” di Brady Corbet con Natalie Portman e Jude Law; l’opera autobiografica “Roma” di Alfonso Cuarón (il trailer è qui); Paul Greengrass racconta gli attentati di Oslo nel suo “22 July”; il remake di “Suspiria” di Luca Guadagnino con le preferite Dakota Johnson e Tilda Swinton è sicuramente uno dei titoli più attesi di questo festival e qui potete trovare il trailer; in concorso anche l’”Opera senza autore” (Werk ohne Autor) di Florian Henckel von Donnersmark; la quota rosa della regia è affidata a Jennifer Kent col suo “The Nightingale”; il greco Yorgos Lanthimos si cimenta per la prima volta con il genere storico in “La favorita” (The Favourite) con Emma Stone, Olivia Colman e Rachel Weisz (anche per questo film abbiamo il trailer); “Peterloo” di Mike Leigh; “Capri-Revolution” di Mario Martone ed il documentario sul razzismo negli Stati Uniti “What Are You Gonna Do When The World’s On Fire?” di Roberto Minervini fanno compagnia a Guadagnino per l’apporto italiano al festival; “Napszállta” (Sunset) dell’ungherese László Nemes; “Frères Ennemis” di David Oelhoffen; “Neustro tiempo” di Carlos Reygadas; Julian Schnabel porta al festival un Willem Dafoe nei panni di Van Gogh insieme a Mads Mikkelsen e Oscar Isaac nel film “At Eternity’s Gate”; “Acusada” di Gonzalo Tobal e per finire “Zan” del giapponese Shin’ya Tsukamoto.

Ma a Venezia non ci saranno solo film in gara, anzi largo spazio viene dato anche alle anteprime dei film fuori concorso.

Quest’anno a spiccare tra i titoli fuori concorso è sicuramente “A Star Is Born”, il musical dove Bradley Cooper si cimenta per la prima volta alla regia e dove recita insieme a Lady Gaga, mentre un altro film molto atteso tra quelli non in concorso è “I villeggianti” (Les Estivants) di Valeria Bruni Tedeschi con la stessa Bruni Tedeschi, Valeria Golino, Riccardo Scamarcio e Pierre Arditi.

Inutile dire che ad una tale sfilza di film corrisponde un’altrettanta fornita lista di star che calcheranno il red carpet che proprio in queste ore viene minuziosamente installato in Laguna. Oltre ai protagonisti delle pellicole dei film in concorso (e non) sopra citati non mancheranno ospiti che spesso col cinema hanno poco a che fare, cui presenza è però facilmente spiegata se si pensa agli sponsor, ma anche dal fatto che esistono degli appositi biglietti per poter sfilare sul red carpet di Venezia prima di assistere alla proiezione di un film e che possono essere acquistati da chiunque. Tra gli ospiti internazionali di quest’anno ritroviamo un abitué di Venezia quale Jake Gyllenhaal e la new entry Benedict Cumberbatch.

Per conoscere chi trionferà al festival di quest’anno ci toccherà, dunque, aspettare ancora un po’, anche se possiamo già dire che quest’anno il premio alla carriera si sdoppia ed è stato assegnato a David Cronenberg e a Vanessa Redgrave.

Intanto, per ingannare l’attesa, di seguito ci sarà una lista di tutti i film in concorso per tutte le categorie.

Appuntamento all’8 settembre per conoscere i vincitori e… buon festival a tutti!

 

Sezione ufficiale
• Il primo uomo (First Man), regia di Damien Chazelle
• The Mountain, regia di Rick Alverson
• Doubles Vies, regia di Olivier Assayas
• The Sisters Brothers, regia di Jacques Audiard
• The Ballad of Buster Scruggs, regia di Joel ed Ethan Coen
• Vox Lux, regia di Brady Corbet
• Roma, regia di Alfonso Cuarón
• 22 July, regia di Paul Greengrass
• Suspiria, regia di Luca Guadagnino
• Werk ohne Autor, regia di Florian Henckel von Donnersmarck
• The Nightingale, regia di Jennifer Kent
• La favorita (The Favourite), regia di Yorgos Lanthimos
• Peterloo, regia di Mike Leigh
• Capri-Revolution, regia di Mario Martone
• What You Gonna Do When the World’s on Fire?, regia di Roberto Minervini
• Napszállta, regia di László Nemes
• Frères Ennemis, regia di David Oelhoffen
• Neustro tiempo, regia di Carlos Reygadas
• At Eternity’s Gate, regia di Julian Schnabel
• Acusada, regia di Gonzalo Tobal
• Zan, regia di Shin’ya Tsukamoto

Orizzonti
• Sulla mia pelle, regia di Alessio Cremonini
• Manta Ray, regia di Phuttiphong Aroonpheng
• Soni, regia di Ivan Ayr
• Ozen, regia di Emir Baigazin
• La noche de 12 años, regia di Alvaro Brechner
• Deslembro, regia di Flavia Castro
• Anons, regia di Mahmut Fazil Coşkun
• Un giorno all’improvviso, regia di Ciro D’Emilio
• Charlie Says, regia di Mary Harron
• Amanda, regia di Mikhaël Hers
• Yom adaatou zouli, regia di Soudade Kaadan
• L’Enkas, regia di Sarah Marx
• Tchelovek kotorij udivil vseht, regia di Natasha Merkulova e Aleksy Chupov
• Kuvumbu tubuh indahku, regia di Garin Nugroho
• Hamchenan ke mimordam, regia di Mostafa Sayyari
• La profezia dell’armadillo, regia di Emanuele Scaringi
• Tel Aviv On Fire, regia di Sameh Zoabi
• Jinpa, regia di Pema Tseden
• Erom, regia di Yaron Shani

Venice Virtual Reality
(In concorso – Interattivo)
• Make Noise, regia di May Abdalla
• The Unknown Patient, regia di Michael Beets
• Buddy VR, regia di Chuck Chae
• Umami, regia di Landia Egal
• Eclipse, regia di Astruc Jonathan e Favre Aymeric
• The Horrifically Virtual Reality, regia di Marie Jourdren
• Spheres, regia di Eliza McNitt
• A Discovery of Witches – Hiding in Plain Sight, regia di Kim-Leigh Pontin
• The Roaming – Wetlands, regia di Mathieu Pradat
• Kobold, regia di Max Sacker e Ioulia Isserlis
• Awavena, regia di Lynette Wallworth

In concorso – Lineare
• Even In The Rain, regia di Lindsay Branham
• Trail Of Angels, regia di Kristina Buozyte
• X-Ray Fashion, regia di Francesco Carrozzini
• Half Life VR – Short Version, regia di Robert Connor
• Crow: The Legend, regia di Eric Darnell
• Age Of Sail, regia di John Kahrs
• Mindpalace, regia di Carl Krause e Dominik Stockhausen
• Ballavita, regia di Gerda Leopold
• Borderline, regia di Assaf Machnes
• Shennong: Taste Of Illusion, regia di Mi Li e Wang Zheng
• The Great C, regia di Steve Miller
• L’Ile Des Morts, regia di Benjamin Nuel
• Home After War, regia di Gayatri Parameswaran e Felix Gaedtke
• Made This Way: Redefining Masculinity, regia di Elli Raynai e Irem Harnak
• Lucid, regia di Pete Short
• The Last One Standing VR, regia di Wang Jiwen e Liu Yang
• Fresh Out, regia di Wey Sam e Tao Fangchao
• 1943: Berlin Blitz, regia di David Whelan
• Rooms, regia di Christian Zipfel

Lungometraggi fuori concorso
• A Star Is Born, regia di Bradley Cooper
• Una storia senza nome, regia di Roberto Andò
• Les Estivants, regia di Valeria Bruni Tedeschi
• Mi obra maestra, regia di Gastón Duprat
• A Tramway in Jerusalem, regia di Amos Gitai
• Un peuple et son roi, regia di Pierre Schoeller
• La quietud, regia di Pablo Trapero
• Dragged Across Concrete, regia di S. Craig Zahler
• Ying, regia di Zhang Yimou
• Driven, regia di Nick Hamm

Documentari fuori concorso
• A Letter To A Friend In Gaza, regia di Amos Gitai
• Aquarela, regia di Victor Kossakovsky
• El Pepe, una vida suprema, regia di Emir Kusturica
• Process, regia di Sergei Loznitsa
• Carmine Street Guitars, regia di Ron Mann
• ISIS, Tomorrow – The Lost Souls of Mosul, regia di Francesca Mannocchi e Alessio Romenzi
• American Dharma, regia di Errol Morris
• Introduzione all’oscuro, regia di Gastón Solnicki
• 1938 Diversi, regia di Giorgio Treves
• Ni De Lian, regia di Tsai Ming-liang
• Monrovia, Indiana, regia di Frederick Wiseman

 

 

Emiliana D’Agostino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *