MentiSommerse.it

L'arte ci rende immortali

Il rosso Valentino

Nonostante ami la moda follemente in tutte le sue sfaccettature, sono sempre stata un po’ restia a vestirmi con colori accesi. Non c’è precisamente un motivo ma il mio armadio, fino all’anno scorso, era completamente sommerso da abiti neri. Era talmente monocromatico che era quasi impossibile distinguere un capo dall’altro.

Dall’anno scorso qualcosa è cambiato, mi sono avvicinata ai colori e, con mio grande stupore, sto timidamente iniziando a vestire di rosso!

Qualsiasi colore ci trasmette qualcosa, ma il rosso è diverso dagli altri. Direi che è più di un colore, ha una potenza comunicativa fortissima, trasmette a chi lo indossa e a chi guarda una certa grinta ed energia.

Non a caso Giorgio Armani definisce il rosso: “Rosso come segno di vitalità. Rosso come segnale di passione. Rosso come positività”.

Ed è proprio vero, provare per credere!

Il rosso è stato uno dei primi colori usato nella storia, ha da sempre simboleggiato la forza, la vitalità, la fede, la vittoria. Ma solo uno nella storia è riuscito a dare il suo nome ad una tonalità di rosso: Valentino Garavani.

Quello che è passato alla storia come Rosso Valentino è una tonalità di rosso acceso molto particolare: un mix di rosso cadmio, carminio e porpora. Nel tempo è diventato sia il colore simbolo di Valentino sia simbolo di eleganza, bellezza e femminilità.

Valentino si innamora di questo colore quando, da giovane durante il suo apprendistato da Jean Dessès a Parigi, partecipa ad una rappresentazione di un’opera lirica a Barcellona. Lì, tra il pubblico, resta folgorato dalla visione di una donna con i capelli grigi con indosso un vestito rosso di velluto.

Valentino racconta: “Fra tutti i colori indossati dalle altre donne, mi è sembrata unica, isolata nel suo splendore. Non l’ho mai dimenticata. Penso che una donna vestita di rosso sia sempre meravigliosa, è la perfetta immagine dell’eroina.”

Da quel momento quella donna diventa la sua musa ispiratrice e il rosso diventa iconico e il suo colore simbolo di Valentino.

Valentino ha creato abiti in rosso Valentino per qualsiasi donna, dalle star di Hollywood a donne di potere fino alle donne comuni. In questo modo ha offerto a tutte la sensazione di essere le eroine della propria vita senza rinunciare alla bellezza e all’eleganza.

Il 4 Settembre 2007, Valentino Garavani ha lasciato definitivamente il mondo della moda e ha affidato al sua maison ad altri brillanti stilisti, ma il rosso Valentino resta e resiste ai cambiamenti come il colore imprescindibile che contraddistingue il brand.

Valentino ha fatto la storia della moda, ha attraversato epoche e stili, ma il suo rosso è sempre stato – e sarà sempre – la sua firma inconfondibile.

In conclusione, c’è da dire che due elementi hanno decretato il successo del rosso Valentino: il talento indiscusso dello stilista e come quel particolare colore fa sentire ogni donna che lo indossa. Femminile, elegante e anticonformista.

Se non avete mai provato la potenza che da un abito rosso questo è il momento per farlo!

 

Anna Vollono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *