MentiSommerse.it

L'arte ci rende immortali

Harry Potter e il Principe Mezzosangue: curiosità tra pagine e trasposizione cinematografica

Il sesto capitolo della saga Harry Potter e il Principe Mezzosangue è il romanzo di transito, momento di preparazione per quella che sarà la guerra di Hogwarts anche se, apparentemente, la storia ruota attorno alla scoperta dell’identità del Principe
Il primo capitolo L’altro ministro, era stato scritto dalla Rowling già 13 anni prima, e aveva cercato di inserirlo nel primo, nel terzo e nel quinto libro, ma la collocazione non era mai quella giusta. Gli eventi del libro sono del resto strettamente legati a quelli del settimo tanto che la Rowling li considera due parti dello stesso romanzo.
L’autrice afferma che la morte di Silente è stata quella più dura per lei e quella per cui ha pianto di più tuttavia ritiene che fosse una scelta fondamentale per il proseguo lineare della trama.
Harry Potter e il Principe Mezzosangue è forse il romanzo in cui è dedicato maggior spazio alle origini di Voldermort, la storia di Tom Riddle. Nel film sono essenziali e poco approfonditi i momenti in cui viene raccontato il passato dell’acerrimo nemico di Harry: non compaiono le scene in cui Silente ricorda il passato del Signore Oscuro che furono tagliate per evitare di appesantire il film con troppi flashback e i fan si lamentarono molto in quanto era il passaggio più bello dai libri. Ripotiamo in merito a queste scene che l’attore Hero Fiennes-Tiffin, nipote di Ralph Fiennes interprete di Lord Voldemort, fu scelto per interpretare Voldemort da giovane in quanto molto somigliante allo zio.
Le differenze con il romanzo che hanno irritato gli amanti della saga tuttavia sono tantissime:
1 Nel film Yates ha creato una scena in cui i Mangiamorte attaccano la casa dei Weasley durante le vacanze di Natale distruggendola. Nelle pagine di J.K. Rowling, questa scena è totalmente assente.
2 Dopo che Harry viene pietrificato da Draco Malfoy nell’Hogwarts Express, il nostro maghetto viene salvato da Luna Lovegood nel film. Nel romanzo, invece, è Nymphadora Tonks a salvare la pelle di Harry.
3 Draco Malfoy ha usato la magia contro Katie Bell? Nel film Harry sente che è così, mentre nel romanzo porta delle prove per confermare la sua teoria.
4 Quando viene rivelato che Piton è il Principe Mezzosangue, nel romanzo scopriamo che il mago si faceva chiamare così perché sua madre era una Babbana e il suo nome da nubile era Prince (Principe). Quindi era un Mezzosangue di cognome Principe. Nel film questa spiegazione non avviene mai.
5 Nel romanzo, secondo i fan, la scena è una delle più intense e drammatiche. David Yates, però, ha scelto di tagliare il funerale di Silente, che nel film è totalmente assente.
6 Alla fine de Il Principe Mezzosangue nel romanzo è presente una lunga battaglia ad Hogwarts. Il produttore e il regista del film decisero di tagliare la scena perché poteva risultare ripetitiva rispetto a quello che sarebbe successo ne I Doni della Morte.
7 Alcuni personaggi del sesto libro della Rowling sobo completamente assenti nella pellicola: Il personaggio di Bill Weasley, nei film, non appare prima de I Doni della Morte mentre el romanzo ci sono momenti dedicati alla relazione tra Bill e Fleur.
E ancora, nel romanzo è presente anche  Mirtilla Malcontenta, che in una scena parla con Draco Malfoy in bagno – mentre nel film non c’è più. Infine, se nelle pagine del libro i Dursley fanno ancora parte della vita di Harry, al contrario nel film sono ormai totalmente spariti.
Ci sono diversi momenti iconici in Harry Potter e il Principe Mezzosangue ma per l’autrice J.K. Rowling la scena in cui Luna Lovegood commenta la partita di Quidditch è la più divertente della saga.
Tuttavia sia sulla carta che al cinema, il Principe Mezzosangue è il più cupo e malinconico degli altri. Nel 2009, alla sua data di uscita, il film è stato considerato ben presto il più drammatico dell’intera serie di J.K. Rowling. L’atmosfera e i colori del film – per diretta ammissione del registra David Yates – sono ispirati ai quadri di Rembrandt. Volendo puntare a qualcosa di nuovo, Yates scelte il direttore della fotografica Bruno Delbonnel. All’inizio il film era troppo scuro, con una color correction troppo invadente, e la cosa non piacque ai piani alti della Warner Bros. Ai due fu chiesto di sistemare tutto, Yates e Delbonnel esitarono, ma alla fine attenuarono tutto il lavoro svolto e trovarono un compromesso. Alla fine il film si rivelò l’unico della saga ad essere candidato all’Oscar per la Fotografia.
Quando J.K. Rowling lesse all’epoca la sceneggiatura del sesto film, trovò un passaggio in cui Silente parla di una ragazza di cui, in gioventù, era innamorato. Subito informò il regista David Yates che la cosa non era possibile, dato che il professore era omosessuale ed innamorato di Gellert Grindelwald per cui a scena venne eliminata. Durante la promozione del settimo libro, la Rowling decise di rendere pubblica la notizia.
Jim Broadbent (Horace Lumacorno) e Tom Felton (Draco Malfoy) si sono ritrovati a lavorare insieme sul set di Harry Potter. I due, infatti, si conoscevano già dai tempi de I rubacchiotti, commedia del 1997. Per far invecchiare il vestito del professor Horace Lumacorno, fu usata una soluzione farinosa apposita per farlo sembrare usurato dal tempo.
Nel film il trio allude all’età di Silente, Ron propone: “150? Anno più, anno meno?” e i tre scoppiano a ridere. J.K. Rowling svelò in un’intervista che Silente muore effettivamente all’età di 115 anni. Restando in tema di compleanni Voldemort è nato il 31 dicembre 1926 , stesso anno in cui è ambientato Animali Fantastici e dove trovarli.
È purtroppo tragica la storia dell’attore Robert Knox (Marcus Belby nel film). Il ragazzo, infatti, morì accoltellato durante una disastrosa rissa in un pub, in cui cercava di difendere il fratello minore, poco dopo aver completato le riprese del film. Aveva diciotto anni. L’opera uscì nelle sale meno di due mesi dopo il suo decesso.
Maggie Smith, Minerva McGranitt è stata presente in tutti gli otto film, anche nel Principe Mezzosangue dove finì di girare le scene mentre era in cura radioterapica contro il cancro al seno. Cancro che ha poi sconfitto!
Con questa  notizia che ha sollevato i fan della saga vi do appuntamento al prossimo capitolo, l’ultimo dell’intera saga: siamo vicini alla battaglia, alzate le bacchette!

Nella Sepe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *