MentiSommerse.it

L'arte ci rende immortali

ESCLUSIVA – Siedah Garrett: “Man in the mirror, trent’anni e una storia straordinaria. La musica può salvare la vita”

15.46

I’m gonna make a change, for once in my life.

Guardare se stessi, fare un cambio per rendere il mondo un posto migliore: un concetto espresso alla perfezione da “Man in the Mirror”, canzone scritta da Siedah Garrett e magistralmente interpretata da Michael Jackson.

È una canzone che è sempre stata presente nella mia vita, tanto da portarla all’esame di maturità come fulcro della mappa concettuale. Mentre risuonano queste note, nel traffico, diretto verso casa, penso una cosa: la storia di questa canzone merita di essere raccontata direttamente da chi le ha dato vita.

È così che una volta arrivato, metto su il trentatré giri di “BAD”, partendo volontariamente dal lato B, e contatto l’ufficio stampa di Siedah. Basta un rapido scambio di mail, è disponibilissima. Ed è così che nasce la nostra chiacchierata in esclusiva con Siedah Garrett, che ha gentilmente concesso un’intervista ai nostri microfoni.

TRENT’ANNI DI “MAN IN THE MIRROR”, UNA STORIA INCREDIBILE

Sì, per me è stato un onore registrare questa canzone in duetto con BoA, universalmente riconosciuta come la Regina del Kpop. 30 anni di “Man in the mirror”… è stata una storia incredibile.
Sono stata di recente in giro per la nazione per parlare con gli studenti a scuola e nei college riguardo il prendersi la responsabilità delle proprie vite e azioni, che, come sapete, sono i principi del testo della canzone. Mentre ero in una scuola elementare, gli studenti, giovanissimi, cantavano la canzone per me, e conoscevano ogni singola parola. Questa canzone ha trent’anni! E gli studenti ne avevano solo otto o nove! È stato pazzesco.

Potreste non saperlo, ma “Man in the mirror” è suonata da qualche parte del mondo una volta ogni otto secondi. Chi non sarebbe orgoglioso di essere associato a una canzone che ha una tale longevità, che ha un appeal intergenerazionale e ha un messaggio così universale? La canzone ha significato così tanto per milioni di amanti della musica in tutto il mondo. Come un’umile cantautrice, è il mio dono per il mondo.

IN TOUR CON MICHAEL JACKSON

Beh… andare in tour con Michael Jackson, all’apice della sua carriera, è stato come fare un tour con Gesù Bambino! Ovunque andassimo, c’erano centinaia di persone che salutavano e cantavano fuori dal suo hotel. “WE ARE THE WORLD! WE ARE THE CHILDREN!”. Per il “Dangerous World Tour”, c’erano tre categorie di hotel. Negli “A Hotels” alloggiava Michael Jackson con il suo staff più diretto, acconciatori, guardaroba, amici e ospiti personali. Nei “B Hotels”, invece, la band e i coristi, mentre i “C Hotels” erano riservati a ballerini ed altri membri dello staff.

In alcuni posti in Europa, non c’era alcun “B Hotel” e, in quel caso, stavamo con Michael nel suo hotel, e sapevamo che non avremmo dormito bene quelle notti, a causa di canti, pianti e grida. Andavano avanti tutta la notte. Gridavano il suo nome: “Mi…chael! Mi… chael!”, cantavano le sue canzoni. Lui amava tutto questo. E sapevamo che quando tutto si sarebbe calmato, avrebbe sbirciato attraverso la tenda, agitando una mano con il guanto glitterato, e tutto sarebbe ripartito. Era pazzesco!

LA MUSICA PUO’ SALVARE LE VITE UMANE

Durante il ”Dangerous Tour”, eravamo in uno stadio in Germania, e la band era sul palco per suonare “Man in the mirror”, e io volevo sentire come suonava in quello stadio. Così, sono andata al centro del campo, eravamo da qualche parte in Germania. All’improvviso vedo una donna che si dirige verso di me. Era una delle assistenti dei produttori. Si avvicinò a me e disse: “Scusami Siedah, conosci Bill W.?”. Io risposi “Bill chi!?”, e ha continuato dicendomi che Bill W. Era la fondatrice degli Alcolisti Anonimi. Quando le ho chiesto perché mi avesse fatto questa domanda, Lei rispose dicendo: “Qualcuno mi ha detto che hai scritto tu questa canzone”. Ho risposto di sì, ma non avevo capito la correlazione.

Ha continuato dicendo che uno dei capisaldi di AA, è che “se vuoi che la tua vita cambi, devi iniziare da te stesso”. Ha continuato dicendo: “Devo dirti una cosa. C’era un punto nella mia vita in cui ero davvero infelice e volevo farmi male. Ci ho pensato per un po ‘e poi questo disco è arrivato alla radio. Sono uscita per comprare il vinile e l’ho riprodotto. Ho ascoltato le parole di quella canzone ancora, e ancora e ancora, fino a quando ho capito che non avrei voluto più farmi del male”.

Ha iniziato a piangere mentre mi raccontava questa storia e, naturalmente, ho iniziato a piangere anche io, ed eravamo entrambi in piedi, in mezzo a un campo di calcio, nel bel mezzo del pomeriggio, da qualche parte nel mezzo della Germania, piangendo a dirotto! Fu in quel momento che realizzai il potere assoluto della musica. La musica può salvare vite umane. È tutto vero. Questo ha avuto un forte impatto su di me, ed è per questo che non scriverò mai nulla di cui non sono orgoglioso

DANGEROUS: UN TOUR INCREDIBILMENTE FORMATIVO

Quel tour è stato incredibilmente formativo. Ho imparato così tanto dall’ascoltarlo e guardarlo esibirsi ogni notte. Era un perfezionista assoluto. Abbiamo suonato negli stadi e sembrava che avesse una connessione personale con ogni singolo fan.

IL PRIMO INCONTRO TRA SIEDAH GARRETT E MICHAEL JACKSON

È stato strano perché, dopo che Quincy Jones suonò “Man in the mirror” per Michael, mi chiamò dallo studio e disse: “Siamo in studio per registrare una tua vecchia canzone”. Sembrava che stesse dicendo che Michael ritenesse che il coro fosse troppo corto e voleva che aggiungessi un piccolo “tag” alla fine … ma Quincy veniva costantemente interrotta da una voce dolce in sottofondo. Alla fine, Quincy Jones mi disse di aspettare un minuto.

E poi Quincy Jones mise Michael Jackson al telefono! Non volevo sembrare troppo eccitata, quindi con la mia voce professionale gli chiesi: “Come posso esserti d’aiuto?”. La prima cosa che Michael mi disse fu “Adoro questa canzone”. La seconda cosa invece “e amo la tua voce!”. Pochi giorni dopo ho ricevuto una chiamata da Quincy per venire in studio. In studio c’erano Quincy Jones, Bruce Sweden (un fenomenale ingegnere), e Michael Jackson. Quincy mi disse: “Michael dice che la canzone è in una chiave troppo alta. Puoi cantarla in una chiave inferiore?”. Rispondo di sì. Mentre sto andando in studio, Michael inizia a seguirmi con questa videocamera grande. “Cosa stai facendo?”, gli chiedo. Dice: “Voglio registrare una videocassetta mentre canti la tua canzone. Gli chiedo: “Perché?”. “Perché voglio cantare come te”.

Quindi canto la canzone, e Michael e io siamo impegnati un paio di giorni perché abbiamo fatto molte parti di sottofondo.

L’intera canzone prevede solo Michael con me dall’inizio alla fine, e poi il coro si aggiunge a noi. Qualche giorno dopo, Quincy e Michael mi hanno chiesto di registrare la voce solista femminile in un duetto, “I Just Can’t Stop Loving You”, e quello è diventato il primo singolo estratto dall’album Bad. Alcuni anni dopo, ho co-scritto la canzone “Keep The Faith” con Glen Ballard e MJ per il suo album Dangerous, e poi mi ha invitato a fare un tour con lui nel suo Dangerous World Tour per 18 mesi!

Leggi anche:  ESCLUSIVA – Tito Jackson: “Io, Michael e il mito dei Jackson 5”

“LOVE YOU I DO” E IL RAPPORTO DI SIEDAH GARRETT CON IL CINEMA

Oh, sì: sono sempre stata attratta dallo scrivere musica per film e televisione. Il mio compito per quella canzone, “Love You I Do”, era di scrivere una canzone per la scena tra Jennifer Hudson e Jamie Foxx, dove il personaggio di Jennifer non riusciva a dire direttamente quanto fosse innamorata del personaggio di Jamie. La canzone doveva servire come “terzo attore” nella scena. Oltre al Grammy Award, quella canzone mi ha anche portato alla mia prima nomination all’Oscar e, inoltre, mi ha dato la possibilità di scrivere altre canzoni per film. Ho anche avuto il piacere di collaborare con il leggendario musicista / compositore Sergio Mendes al film d’animazione RIO, e una di quelle canzoni è risultata nella mia seconda nomination all’Oscar.

LA MOTOWN E LA SUA IMPORTANZA IN CAMPO SOCIALE

La Motown Records è stata “tutto” per me durante la mia gioventù, ed ha avuto un ruolo così importante nell’esporre la musica originale degli afro-americani al resto dell’America e al mondo. L’etichetta ha svolto un ruolo cruciale nell’ampliare le opportunità per i musicisti, i produttori, gli arrangiatori e gli artisti della nostra comunità e per abbattere i muri della segregazione e dell’emarginazione. Questo davvero non può essere trascurato. A livello personale, il mio primo singolo top 5 “Do not Look Any Further” è stato un duetto con Dennis Edwards, ex membro delle Temptations, ed è stato rilasciato su etichetta Motown Records.

Leggi anche: Motown forever: la scalata al successo di Martha Reeves

“MY SILENT NIGHT” E TUTTI I PROGETTI DI SIEDAH GARRETT

Sto passando dalla scrittura di canzoni per artisti, alla scrittura di testi per il teatro musicale. Il mio primo progetto è il musical “My Silent Night”, che è stato commissionato dalla città di Salisburgo, in Austria, dove è stato composto il famoso canto natalizio e che quest’anno celebra il suo 200 ° anniversario.

Faccio parte di un team creativo che include John Debney, compositore candidato all’Oscar, e il cui debutto musicale è previsto per il prossimo novembre al Felsenreitschule Theater di Salisburgo. Inoltre, ho recentemente iniziato a scrivere per il prossimo adattamento musicale dell’iconico film “The Pursuit of Happyness”, interpretato dall’attore Will Smith. Tra i miei collaboratori c’è anche Harvey Mason Jr., compositore / produttore musicale vincitore del Grammy Award.

Oltre a questo, sono molto appassionato di maglieria, uncinetto e altri mestieri. In effetti, lancerò la mia serie di podcast, chiamata “The Uppity Knitter”, che vedrà protagonisti ospiti che condividono storie sui loro hobby insoliti e aneddoti poco noti delle loro vite dietro le quinte e in tour. Restate sintonizzati…

A Siedah Garrett ed Erik Nuri va un sentito ringraziamento da parte di tutta la redazione di MentiSommerse.it
Intervista realizzata da Corrado Parlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *