MentiSommerse.it

L'arte ci rende immortali

La terra tra le radici e le foglie di un albero chiamato vita

La parola che analizziamo oggi è la parola “terra”. Con questo termine possiamo indicare un insieme di significati differenti tra di loro e sicuramente dal grande valore simbolico. Ovviamente, con Terra, ci riferiamo innanzitutto al nostro pianeta, quello su cui noi tutti viviamo. E, proprio da questo concetto, ossia quello di vita, possiamo partire per ricollegarci al suo nome. Infatti, terra è sinonimo di vita. Da essa nasce tutto quello di cui abbiamo bisogno quotidianamente e che consente al nostro ecosistema di avere le condizioni necessarie per lo sviluppo e la sopravvivenza dei vari organismi. Gli alberi, per esempio, sono la sintesi perfetta di tutto ciò. Sono fondamentali sia per la produzione di ossigeno, sia per i loro splendidi frutti. Quindi, usato come un nome proprio, la parola Terra è, in realtà, un semplice ricollegamento alla sua accezione come nome comune e a quanto specificato.

Un nome che, forse, di comune ha ben poco data la sua adattabilità ad altri rilevanti significati. Infatti, non si può prescindere dal sottolineare come, nello specifico, sia diffuso l’utilizzo di questo vocabolo per esprimere il concetto di senso di appartenenza e di provenienza. Siamo soliti usufruire della frase “la mia Terra” per indicare il luogo in cui siamo nati, abbiamo vissuto o a cui siamo indissolubilmente legati. Una variabilità che ci aiuta a riflettere su come sia mutevole nel contenuto, in quanto può, contemporaneamente, rappresentare sia qualcosa di globale, che una sua parte, piccola o grande che sia. “La mia Terra”, può evidenziare il Paese inteso come nazione, la regione o semplicemente la propria città.

È opportuno, però, dare spazio ad un aspetto fortemente spirituale che ruota attorno alla parola oggetto di analisi, che è quello di interezza esistenziale. Immaginiamo il termine terra come se fosse un orologio. Esso racchiude, al suo interno, l’essenza e lo scorrere del tempo. Così è per “terra”, poiché sintetizza il cerchio della vita di ognuno di noi. Tutto nasce dalla terra e torna alla terra. È il punto di partenza e il punto di arrivo nella totalità del destino e in ogni sua tappa che percorriamo. È ciò che riassume chi siamo, come se partissimo dalle radici di un albero e, percorrendone il tronco, arrivassimo alle foglie presenti sui rami più alti.

Non possiamo, inoltre, fare a meno di considerare come, nella sua unità e integrità, la Terra è, innanzitutto, simbolo di diversità. È, contemporaneamente, qualcosa di unico e vario, differente. I popoli, le lingue, gli usi, i costumi. Non è sicuramente facile trovare qualcos’altro che sia così eterogeneo nella sua singolarità.

A tal proposito è, senza ombra di dubbio, affascinante notare quanto forte sia il messaggio di coesione contenuto in questa parola. Infatti, nonostante siamo diversi ed abbiamo tratti distintivi, apparteniamo tutti ad un unico grande pianeta, come a voler sottolineare che le normali differenze non sono niente rispetto a ciò che ci unisce e ci lega, poiché, in realtà, siamo tutti figli di un’unica bandiera.

Luciano Goglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *